giovedì 27 ottobre 2016

Recensione: Il maestro del gioco di Portia da Costa

Buongiorno ragazzi! Il weekend è vicino finalmente e oggi vi propongo la recensione de Il maestro del gioco di Portia da Costa, che mi ha stupito positivamente fin dalle prime pagine.
E' un romanzo erotico, ma mai volgare, anzi, molto, molto sensuale.

EDITORE: Newton Compton
DATA DI PUBBLICAZIONE: 29 settembre 2016
PREZZO DI COPERTINA: 9,90€
PREZZO EBOOK: 4,99€
PAGINE: 344

SINOSSI: Jess Lockhart è arrivata a ventinove anni ancora illibata, ma ciò non significa che non sia interessata agli uomini. Anzi, è proprio l'opposto: sogna di trovare l'uomo perfetto che possa soddisfare ogni suo desiderio. Il nuovo capo, l'affascinante miliardario Ellis McKenna, sembrerebbe essere quello giusto. È anche chiaro che entrambi sono fisicamente attratti l'una dall'altro. Tuttavia, un tragico passato ha segnato Ellis, che si è ripromesso di non avere più relazioni sentimentali serie e durature. E Jess, dopo aver permesso a Ellis di sedurla e aver preso un posto speciale nel suo cuore e nel suo letto, saprà convincerlo a lasciarsi andare all'amore?


LA MIA OPINIONE

Jess ha ventinove anni ed è ancora vergine, nonostante sia una bellezza considerevole, che non passa inosservata. Aspetta il suo uomo ideale, anzi il suo amante ideale, e nell'attesa sfoga le sue energie sessuali con l'uomo invisibile che immagina la possegga ogni notte. Ma il sogno si trasforma presto in realtà. Il suo nuovo capo a lavoro si chiama Ellis ed è una specie di dio greco. Oltre a essere bello e misterioso, è anche dannatamente ricco.
Il loro primo incontro è alquanto bizzarro e la tensione sessuale tra i due è palese fin dal primo istante. Jess è sicura che l'amante ideale è finalmente arrivato e vuole assolutamente perdere la verginità con lui. E quando si concede, tra i due è passione ed erotismo allo stato puro e i loro incontri si protraggono nel tempo, sempre più intensi, sempre più spinti.
Ellis è perfetto sia dentro che fuori le lenzuola: dolce, amorevole e premuroso, e inevitabilmente Jess si innamora di lui.
Ovviamente c'è un "ma" grosso quanto una casa. Fin dall'inizio il signore del sesso, così come lo ha soprannominato la nostra protagonista, è stato chiaro: la loro relazione sessuale non potrà durare che qualche settimana a causa del suo essere "un invalido sentimentale", così come egli si definisce. Molti anni prima, infatti, Ellis ha perso moglie e figlie in una tragica circostanza e da allora rifiuta di innamorarsi di nuovo, perché sopraffatto dai sensi di colpa.
Jess è titubante, vorrebbe troncare immediatamente con lui, ma come rifiutare la proposta di Ellis di essere il suo maestro del gioco, di farla diventare una dea del sesso, di insegnarle come si gode per davvero?
Jess si abbandona completamente, consapevole che uscirà a pezzi da questa relazione, anche se in fondo al suo cuore spera sempre che lui prima o poi inizi a ricambiare i suoi sentimenti.

"L'uomo giusto, ma il signor Emotivamente irragiungibile. L'uomo che amo, che non potrà mai amarmi."

Come ho scritto all'inizio, ho trovato Il maestro del gioco molto sensuale e di piacevole lettura. Il sesso è l'elemento preponderante, naturalmente, e le pagine dove i due protagonisti si regalano piacere superano nettamente quelle con scene romantiche e dolci. Ma assolutamente non ho mai notato nessun tipo di volgarità, tutto è raccontato e descritto in modo sì esplicito, ma sempre con estrema delicatezza.
Inizialmente il ritmo narrativo mi è sembrato un po' lento e questo mi infastidiva un po' perché volevo conoscere l'evoluzione della storia tra Ellis e Jess, ma subito dopo mi sono resa conto che è proprio la calma con cui l'autrice descrive ogni minimo gesto, sguardo, dialogo a rendere il tutto molto rilassante e piacevole e quando mi sono adeguata a tutto ciò, ho iniziato ad adorare questo romanzo.
Inoltre la storia è raccontata, all'interno di uno stesso capitolo, dai punti di vista di Ellis e Jess, alternati, in modo da poter seguire l'evoluzione dei sentimenti e delle sensazioni di entrambi. E così assistiamo alle emozioni sempre più crescenti di Ellis miste al suo turbamento per i sensi di colpa che prova nei confronti della moglie defunta, e all'ammirazione per lui, che si trasforma pian piano in amore, di Jess.

Portia da Costa si è cimentata in un romanzo ben scritto e articolato, che nelle sue parti più romantiche mi ha emozionato tantissimo e fatto battere il cuore, assolutamente da leggere anche se non siete appassionati di questo genere!


PORTIA DA COSTA: È una delle più note scrittrici di romanzi erotici a livello internazionale. Ha al suo attivo più di venti romanzi e cento racconti. Prima di dedicarsi alla scrittura, ha lavorato come bibliotecaria. Inglese, vive nello Yorkshire con suo marito. La Newton Compton ha pubblicato L’incontro, L’insegnamento e La prova, i tre capitoli della trilogia La Promessa, raccolti anche in un unico volume, e Il maestro del gioco. (dal sito della Newton Compton)

8 commenti:

  1. Ciao Maria!
    Una recensione ben chiara! ;)
    Nonostante questo però mi trovo a dover passare.. il genere erotico lo evito come la peste!! hahahh :D

    RispondiElimina
  2. *_____*
    Che bello, Maria! <3 Sono strafelice che ti abbia appassionato e anche di un'altra cosa, che il sesso non sia volgare all'interno del romanzo. Che ci sia è ovvio, anche perchè è chiaramente un romanzo erotico però hai usato una parola molto importante: sensuale.
    Ecco, questo fa capire che non si tratta di pornografia ma di erotismo, che è diverso. Non vedo l'ora di leggerlo. *___*
    Un abbraccio forte! :*****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che lo leggerai ^_^ Assolutamente non si tratta di pornografia, è una storia bellissima, romantica e dolce raccontata a 360°, ovvero descrivendo anche il lato sessuale e mettendolo in primo piano :)

      Elimina
  3. Eccomi da te Maria, aspettavo questa recensione come ben sai ed ovviamente mi fido ciecamente del tuo giudizio! sono felicissima di sapere che non c'è nulla di volgare in queste pagine, grazie a te sono riuscita ad inquadrare molto meglio questo libro, una recensione chiara e centratissima! complimenti <3 Un abbraccione immenso :****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti <3<3 No, nulla di volgare, è una bella storia e merita di essere letta ^_^

      Elimina
  4. Ciao! Ho adocchiato questo libro da un po', ma non mi sono mai decisa a leggerlo. La tua recensione mi ha convinta a dargli un'occasione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, sono sicura che ti piacerà :)

      Elimina