lunedì 24 ottobre 2016

Recensione: Il vangelo secondo Biff di Christopher Moore

Buongiorno ragazzi! Oggi pubblico questa recensione col sorriso sulle labbra, perché vi propongo il romanzo umoristico Il vangelo secondo Biff del sorprendente Christopher Moore. Si ride tanto, è vero, ma non mancheranno nel libro momenti emozionanti e di riflessione!

EDITORE: Elliot
DATA DI PUBBLICAZIONE: 31 dicembre 2014
PREZZO DI COPERTINA: 14,50€
PAGINE: 430

SINOSSI: Tutti sanno come è nato e come è morto Gesù. La stella cometa, la mangiatoia, i Re Magi; e poi la passione, la crocifissione. Ma che cosa ha combinato dall'infanzia ai trent'anni? Su richiesta del Messia, a duemila anni dalla sua morte, un angelo fa resuscitare il suo migliore amico, Levi detto Biff, a cui spetta il compito di scrivere un nuovo Vangelo che racconti finalmente la vera storia di Gesù di Nazareth. E quella di Biff è un'epopea ricca di miracoli, viaggi, scoperte, kung fu, demoni, morti viventi e folli monaci tibetani. Forse nemmeno l'astuzia e la devozione del migliore amico riusciranno a risparmiare al Salvatore il suo tragico destino. Nessuno - a parte Maddi (Maria di Magdala) - gli ha voluto bene quanto lui, ma Biff non permetterà che si sacrifichi e ascenda al cielo senza aver lottato per impedirlo! Chi ha amato la folle e surreale altalena di personaggi e avventure di "Un lavoro sporco", ritroverà il medesimo spirito in questa commovente rivisitazione delle Sacre Scritture.

LA MIA OPINIONE 

Erano anni che non leggevo un romanzo così esilarante e divertente, ben scritto e con un sua logica, senza scadere nel ridicolo o nella volgarità.
Consiglio solo ai più ferventi cattolici di evitarne la lettura, perché farebbe loro drizzare i capelli.

L'angelo Raziel viene incaricato dai "piani alti" di ritornare sulla Terra e riportare in vita Biff, il migliore amico di Gesù, per convincerlo a scrivere un nuovo Vangelo sulla vita del Salvatore.
E così, vegliato dall'Angelo custode, che passa le sue giornate a guardare la tv sognando di diventare l'Uomo Ragno, Biff, un po' frastornato e disorientato dalle diavolerie moderne, inizia a scrivere la sua storia e quella di Gesù.
Il libro si potrebbe dividere in tre parti.
Nella prima Biff racconta la loro infanzia, quella che nei Vangeli ufficiali viene solamente accennata, così come egli nota quando riesce a leggerli di nascosto da Raziel. E così il ragazzo ci parla dei loro giochi, della sua infatuazione per la Madonna (che avrebbe voluto anche come concubina) e dei piccoli miracoli che Gesù iniziava a compiere.
La seconda parte, invece, è incentrata sul viaggio in Oriente che Biff e Gesù intraprendono perché quest'ultimo vuole scoprire la sua vera natura e se davvero è il Messia, così come gli ha annunciato l'Angelo. E gli unici che possono aiutarlo in questo senso sono i Re Magi. I due ragazzi, quindi, partono alla volta di Kabul, Cina e India dove riusciranno a trovare Gaspare, Baldassarre e Melchiorre, che impartiranno loro i tantissimi insegnamenti che Gesù ha predicato alla sua gente una volta tornato a Gerusalemme.
L'ultima parte narra invece gli ultimi anni di Gesù, che sono quasi del tutto fedeli ai Vangeli, tranne per dei piccoli escamotage narrativi necessari per inserire la figura di Biff, così come ha spiegato l'autore.

Ho amato tantissimo Il vangelo secondo Biff perché mi ha fatto ridere fino alle lacrime, tra angeli che bestemmiano e dicono parolacce, Biff che non pensa ad altro che a fornicare con quante più donne possibili, e battute ironiche e provocatrici Una tra le tante:

"Gesù si girò verso la prostituta e le toccò delicatamente la fronte.
- Va' e non peccare più -, le disse in latino.
- Certo, e come mi mantengo? Spalando merda?- "

Nello stesso tempo, ho anche adorato il rapporto tenero e di grande amicizia, quasi fraterno, tra Biff e Gesù e mi hanno commosso tutti i tentativi di Biff di evitare la morte del Messia.
Non si può comunque giudicare questo romanzo come totalmente umoristico, perché i momenti seri e di riflessione sono tanti, soprattutto nell'ultima parte, quella della Passione di Cristo, dove Christopher Moore ha avuto il tatto di ridurre al minimo le battute.
Come potete immaginare, consiglio vivamente la lettura di questo libro a tutti e se qualcuno dovesse sentirsi offeso, riporto alcune parole dell'autore nella postfazione:

"Il Vangelo secondo Biff non ha mai avuto l'intenzione di mettere alla prova la fede di nessuno; tuttavia, se le convinzioni di qualche lettore possono essere scosse dalle storie di un romanzo umoristico, forse sarebbe il caso di recitare qualche preghiera in più."

CHRISTOPHER MOORE: è uno scrittore e blogger statunitense.
Nato a Toledo e cresciuto a Mansfield (Ohio) è figlio di un poliziotto della stradale e di una venditrice di elettrodomestici. Frequenta la Ohio State University e, a 19 anni, si trasferisce nella regione della Central Coast, in California iscrivendosi al Brooks Institute of Photography di Santa Barbara (California).
Dal 2003 al 2006 ha vissuto per qualche anno sull'isola di Kauai, nell'arcipelago delle Hawaii. Attualmente vive tra le Hawaii e San Francisco.
Prima di pubblicare il suo primo romanzo, La commedia degli orrori, nel 1992, ha lavorato come cameriere, fotografo, DJ, portiere di notte, commesso di drogheria e riparatore di tetti, tutte occupazioni che svolgono i personaggi di alcuni dei suoi romanzi.
Il protagonista tipo degli scritti di Moore è il "maschio beta", un individuo comune che si trova improvvisamente coinvolto in circostanze straordinarie, al limite del paranormale. Il suo stile narrativo coniuga l'umanesimo di John Steinbeck, uno degli autori preferiti di Moore, con l'ironia tipica di Kurt Vonnegut e Douglas Adams.
Tutti i diritti degli scritti di Moore sono stati acquisiti o per lo meno opzionati da parte di produttori cinematografici, ma fino ad oggi non è stata realizzata alcuna trasposizione sul grande schermo. (da Wikipedia)

10 commenti:

  1. Sembra proprio carino, me lo segno! XD

    RispondiElimina
  2. Cara Maria, non conoscevo questo romanzo ma chiarisco subito che non sono una cattolica fervente e che attraverso le tue parole, ho già sorriso!
    Mi piace molto l'atmosfera che sono riuscita a percepire dalla tua recensione, la leggerezza, le battute, l'ironia di fondo. Insomma una lettura del genere mi sembra davvero appropriata.
    Una lettura che sicuramente mi segno subito. ^__^
    Grazie per avermelo fatto conoscere!
    Un abbraccio forte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sicurissima che questo libro ti piacerà, ti farà sorridere tantissimo ed emozionare..Credo sia una lettura da non perdere ^_^
      Un abbraccio grande anche a te :-**

      Elimina
  3. Maria, che libro interessantissimo che ci proponi! A parte che sto ancora rotolando dal ridere per la battuta della prostituta (lo so, non sono normalexD), credo che questo libro faccia proprio per me, perchè amo ridere e non mi spaventa un po' di ironia dissacrante. Fra l'altro, sempre un po' sulla falsariga, ti consiglio Trentatre di Mirya, un libro molto interessante, divertente e profondo, con una tematica molto simile: Dio fa una scommessa con Gesù e scende sulla Terra per 33 giorni, privo di poteri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La battuta della prostituta è una delle più "leggere", non volevo esagerare troppo e se hai riso tanto per questa, figuriamoci per il resto xD
      Comunque grazie per il consiglio, ho letto la trama e qualche recensione su Amazon.. Una storia intensa, ma anche ironica..direi che è perfetta per me ^_^

      Elimina
  4. Maria cara!! Ed io perchè non conoscevo autore e libro?! Ah se devo recuperarlo, mi hai messo tanta ma tanta curiosità ed entusiasmo, grazie <3 <3 Un super mega abbraccione di cuore <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacione a te Ely, spero che deciderai di leggerlo ^_^
      :-***

      Elimina
  5. Ciao Maria!! Sono felicissima di leggere questa recensione, perché adoro Biff e questo libro è sicuramente tra i miei preferiti di sempre! Ironico, dissacrante, ma anche molto profondo, e drammatico nell'ultima parte, insomma non gli manca niente!!

    Christopher Moore è un vero genio, tutti i suoi libri fanno ridere e riflettere allo stesso tempo, lo stimo un sacco!!!

    P.s. se vuoi leggere il mio post sul romanzo lo trovi qui: http://deliri-sofismi.blogspot.it/2014/06/il-vangelo-secondo-biff-amico-dinfanzia.html
    La battuta della prostituta l'avevo messa anche io, irresistibile!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Hai perfettamente ragione, è un libro perfetto, l'ho adorato anche io come hai potuto leggere ^_^
      Ma davvero abbiamo scritto la stessa battuta? xDD Io l'ho scelta perché era quella meno irriverente, diciamo xD
      Comunque passo subito a leggere la tua recensione, sono molto curiosa :-*

      Elimina