venerdì 21 ottobre 2016

Recensione: Mio fratello rincorre i dinosauri di Giacomo Mazzariol

Buongiorno ragazzi! Oggi vi propongo la recensione del dolcissimo Mio fratello rincorre i dinosauri, scritto da Giacomo Mazzariol che ci racconta la sua vita da fratello di un ragazzo speciale con la sindrome di Down.

EDITORE: Einaudi
DATA DI PUBBLICAZIONE: 26 aprile 2016
PREZZO DI COPERTINA: 16,50€
PREZZO EBOOK: 7,99€
PAGINE: 176

SINOSSI: Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire "supereroe". Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sì, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l'adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era così sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. Con "Mio fratello rincorre i dinosauri" Giacomo Mazzariol ha scritto un romanzo di formazione in cui non ha avuto bisogno di inventare nulla. Un libro che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.

LA MIA OPINIONE


"Giovanni che ha tredici anni e un sorriso più largo dei suoi occhiali. Che ruba il cappello a un barbone e scappa via; che ama i dinosauri e il rosso; che va al cinema con una compagna, torna a casa e annuncia: "Mi sono sposato". Giovanni che balla in mezzo alla piazza, da solo, al ritmo della musica di un artista di strada, e uno dopo l'altro i passanti si sciolgono e cominciano a imitarlo. Giovanni è uno che fa ballare le piazze. Giovanni che il tempo sono sempre venti minuti, ma più di venti minuti: se uno va in vacanza per un mese, è stato via venti minuti. Giovanni che sa essere estenuante, logorante, che ogni giorno va in giardino e porta un fiore alle sorelle. E se è inverno e non lo trova, porta loro foglie secche.
Giovanni è mio fratello. E questa è anche la mia storia. Io di anni ne ho diciannove, mi chiamo Giacomo.
Mio fratello rincorre i dinosauri."

Questa è la storia vera e splendida di due fratelli, Giacomo e Giovanni, entrambi speciali, anche se in modo diverso.
Verso la fine del libro, l'autore scrive che ha postato un video su Youtube che ha per protagonista Giovanni alle prese con un (finto) colloquio di lavoro. E così che nella mia testa si è accesa un lampadina e mi è tornato in mente un ricordo. Qualche anno fa in una puntata di Tu si que vales, un ragazzo e il suo fratellino con la sindrome di Down hanno presentato un video dove quest'ultimo è alle prese proprio con un colloquio di lavoro. E così ho capito che si trattava degli stessi ragazzi. Wow, ho detto, allora "conosco" Giovanni e Giacomo, posso dar loro un volto. Una sensazione bellissima *_*

La trama di questo libro verte essenzialmente su tutte le tappe che Giacomo ha percorso dalla nascita di suo fratello fino all'adolescenza, oltre ad affrontare temi delicati come la diversità e il bullismo, ma anche come si svolge la vita quotidiana di una famiglia che ha la fortuna di avere un ragazzo con la sindrome di Down. 
Si, è una fortuna, perché  questi ragazzi speciali sono amore puro, all'ennesima potenza:

"..nella vita ci sono cose che non si possono governare, altre che bisogna prendere come vengono. E' talmente più grande di noi, la vita. E' complessa ed è misteriosa...
..L'unica cosa che si può sempre scegliere è amare, amare senza condizioni."

Quando Giacomo viene a sapere che è in arrivo un fratellino ha solo 5 anni e due sorelle femmine. Potete immaginare quindi la sua felicità al pensiero di avere un maschietto con cui condividere tutti i giochi e tutte le avventure immaginabili.
Quello che Giacomo ancora non sa è che Giovanni (il nome è stato scelto proprio da lui) sarà un fratello speciale e quando i suoi genitori provano a spiegargli il significato di sindrome di Down, il bambino si convince che il nuovo arrivato avrà i super poteri.
Solo dopo la sua nascita, Giacomo si rende conto che Giovanni è diverso dagli altri bambini, all'inizio solo fisicamente, e dopo qualche anno anche caratterialmente e col tempo impara a conoscere tutti i suoi limiti, convincendosi che i super poteri da lui desiderati non esistono per nulla.
E così che scatta in Giacomo un rifiuto per suo fratello, non nel suo cuore perché lo ama più di se stesso, ma con il mondo esterno. Giacomo evita infatti di rivelare ai suoi amici, alle sue maestre e a tutte le persone che lo circondano l'esistenza di Giovanni, perché sostanzialmente se ne vergogna.
Solo crescendo, grazie a incontri speciali e a una nuova consapevolezza della vita, Giacomo capisce che Giovanni è sì diverso, ma è davvero un supereroe, il suo:

"Gio era tutto, ma più di ogni altra cosa era libertà. Lui era libero in tutti i modi in cui avrei voluto essere libero io.
Gio era tornato ad essere il mio supereroe. E non avrebbe più smesso di stupirmi."

Una storia dove l'amore trasuda da ogni parola, che io ho amato tantissimo. Mi sono commossa, ma mi ha fatto anche divertire e soprattutto riflettere molto.
La consiglio a tutti: a chi già conosce questa splendida realtà, a chi deve ancora aprire la mente, a chi vuole solo passare qualche ora piacevole in compagnia di queste due dolci piccole pesti.
Intanto vi lascio il video che ho visto a Tu si que vales e che mi ha fatto conoscere i due fratelli:





Giacomo Mazzariol: è nato nel 1997 a Castelfranco Veneto, dove vive con la sua famiglia. Nel marzo del 2015 ha caricato su YouTube un corto, The Simple Interview, girato assieme al fratello minore Giovanni, che ne è il protagonista. Giovanni ha la sindrome di Down. Il video ha avuto un'eco imprevedibile: i principali quotidiani gli hanno dedicato la prima pagina ed è stato commentato anche all'estero. (dal sito di Einaudi).





11 commenti:

  1. Mi hai emozionata solo con la recensione: DEVO leggerlo

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione, emozionante! Avevo già seguito in tv la storia di Giovanni attraverso una breve intervista a Giaocomo, ma dopo la tua meravigliosa recensione non posso farmi scappare questo libro tanto interessante e particolare.

    Un bacio
    Eleonora C
    LA BIBLIOTECA DELLA ELE

    RispondiElimina
  3. È un libro che ho in whishlist da quando è uscito. Dovrò sicuramente dargli la precedenza su altri

    RispondiElimina
  4. Ciao Maria! Bella recensione, mi avevano già parlato bene di questo libro, non posso far altro che leggerlo pure io! o almeno metterlo in lista XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie, per me questo libro è stato una bellissima sorpresa *_*

      Elimina
  5. Ciao Maria! Conosco la storia di cui parla questo libro perchè per la prima volta conobbi i due fratelli e questo video alle Iene, in un servizio molto particolare e commovente dedicato proprio a questi due ragazzi straordinari.
    Percepii subito l'amore sconfinato, profondo e sincero di Giacomo per il fratellino. Qualcosa veramente che ti tocca dentro con semplicità e dolcezza.
    Notai subito la delicatezza di questo piccolo grande uomo nel prendersi cura di un fratello speciale.
    La loro storia è magica e sono felice che sia arrivata anche ad essere raccontata in un libro.
    Non potevo nutrire nessun dubbio sulla tua empatia verso questa storia e la tua commozione.
    Scopro sempre di più che ci colpiscono le stesse cose.
    Un abbraccio! <3

    RispondiElimina
  6. Ciao Antonietta, siamo proprio affini io e te <3<3 Il servizio delle Iene me lo sono perso, ma mi sono già commossa abbastanza quando ho visto i due fratelli a Tu si que vales :)
    Un abbraccio a te :-*

    RispondiElimina
  7. Mi ero persa questa tua recensione, ma sono davvero contenta di averla letta (anche se la mia wish list lo è un po' meno, visto che ho aggiunto un altro titolo!) :) Mi hai convinta e mi hai fatto venire una gran voglia di correre in libreria! :)

    RispondiElimina