venerdì 4 novembre 2016

Recensione: Di polvere e di altre gioie di Giuseppe Truini

Buongiorno ragazzi! Oggi sono felicissima di proporvi la recensione del meraviglioso libro di Giuseppe Truini, Di polvere e di altre gioie!
Una storia a tratti mistica, straordinaria, e a tratti molto realistica e cruente. 




EDITORE: Ensemble
DATA DI PUBBLICAZIONE: 1 gennaio 2014
PREZZO DI COPERTINA: 12€
PREZZO FORMATO EBOOK: 6,99€
PAGINE: 314

SINOSSI: C'è una trasmissione televisiva i cui concorrenti vengono puniti fisicamente; e c'è una serie di prostitute che vengono torturate e uccise barbaramente durante riti crudeli e cruenti. In mezzo a tutto ciò c'è Oscar Fiori - esperto di figure retoriche e di professione l'Operatore Sociale - che investiga suo malgrado aiutato dalla propria famiglia da cartone animato composta da una sorella incinta per miracolo, nipoti geniali, un cane, Wittgenstein, e una gatta, Camus. E poi c'è Edera, una ragazza che non può muoversi e che può comunicare solo attraverso un sintetizzatore vocale assistita dallo stesso Oscar. Una giostra tra suspence e divertimento, tra giornalisti indelicati e sindacaliste orgogliose, donne divine e poliziotti dalla cravatta sgualcita.

LA MIA OPINIONE

E' il caso di dire che questo libro voleva proprio finire nelle mie mani. Un commesso di una Feltrinelli di Roma lo stava "pubblicizzando" insieme ad altri sempre della casa editrice Ensemble. Devo dire che la trama mi aveva colpito rispetto alle altre, ma non l'ho acquistato subito. Infatti, ho ringraziato il commesso e ho continuato il mio giro nella libreria. Mentre sfogliavo, annusavo (si, lo faccio anche in libreria, senza farmi notare troppo) e mi interessavo di altri volumi, quel titolo, Di polvere e di altre gioie, e le parole del commesso continuavano a ronzarmi in testa. Senza pensarci, sono tornata allo scaffale, ho preso il libro e ho semplicemente detto al commesso: "lo prendo". Uno dei migliori acquisti mai fatti. Uno di quei libri che sicuramente leggerò decine di volte senza stancarmi mai (sono già alla seconda rilettura).

La storia inizialmente può sembrare assurda, fantasiosa o addirittura mistica, in certi casi. Os, Operatore Sociale, e la sua famiglia sono i protagonisti: Lucia, sorella di Os, ancora vergine, ma miracolosamente incinta; Silvia e Matteo, i nipoti di Os: la prima riesce a valutare il grado di purezza delle persone attraverso una polverina invisibile che noi tutti abbiamo addosso, ma che solo lei riesce a vedere, mentre Matteo è stato proclamato il ragazzo più intelligente d'Italia, ma non parla mai, se non scrivendo su post-it.
E poi ci sono i colleghi di Os, due sindacaliste agguerrite, cani, gatti, poliziotti degni di un fumetto....Tutti personaggi alquanto bizzarri..
La trama sostanzialmente verte su l'uccisione di alcune prostitute da parte di un killer misterioso, storia in cui Os si ritroverà coinvolto..quindi anche un bel thriller, direi. Ma non mancano riferimenti, episodi e riflessioni sui problemi quotidiani da affrontare: disoccupazione, prostituzione, programmi tv sempre più trash e violenti, che si intrecciano col filo principale della storia.
Un quadro molto eloquente della nostra società, dunque.
Ma ciò che mi ha più colpito di questo libro è la maestria, la delicatezza con cui Giuseppe Truini lo ha scritto. Sembra una poesia, una carezza, una continua dolcezza. Ti rilassa e vorresti non finisse mai.

"Edera, non sempre le persone sono quelle che sembrano e a volte una necessità oscura obbliga a recitare ruoli non propri. Si chiama dissimulazione, come quando devi essere gentile anche se hai un vulcano dentro, vorresti tanto urlare e sbraitare ma invece dici grazie e sorridi."

Lo consiglio assolutamente, ve ne innamorerete!



GIUSEPPE TRUINI: classe 1979, vive ad Amaseno, in provincia di Frosinone. Insegna Italiano e Storia; inoltre, tiene corsi e workshop di scrittura. Ha pubblicato racconti in diverse antologie e un saggio nel volume Il suono e l'inchiostro (Chiarelettere, 2009), dedicato a Fabrizio de Andrè. Con il suo esordio, Se domani si vive o si muove (Ensemble, 2012), ha vinto il premio Matteo Blasi. Di polvere e di altre gioie è il suo secondo romanzo. (www.giuseppetruini.com)




    8 commenti:

    1. Bella recensione!
      Libro molto interessante, credo che lo segnerò subito in wishlist :)

      Eleonora C

      RispondiElimina
    2. Ciao Maria! E' molto bello quello che hai raccontato, che questo romanzo ti abbia incuriosito a tal punto da tornare indietro e andarlo a prendere per leggerlo, voleva dire che doveva essere tuo! <3
      Dalle tue parole sembra un romanzo assolutamente non convenzionale, che si presta a molte considerazione. Inoltre mi hanno colpito le tue parole finali, quando lo hai definito come una carezza.
      Un abbraccio forte e buon weekend! :****

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Antonietta! Si, è proprio il caso di dire che è stato il libro a scegliere me <3 <3
        Un abbraccio :-****

        Elimina
    3. Ciao Maria grazie per aver arricchito la mia conoscenza librosa, non so se sono nel mood giusto per leggere questo libro ma come sempre la tua opinione mi apre interessantisssime strade letterarie, prima o poi spero di leggere anche questo quando me la sentirò <3

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Ely, è una lettura che forse non avrei affrontato neanche io se quel commesso non fosse stato così convincente..e devo dire che si è rivelato un libro sorprendente <3 <3

        Elimina
    4. Ciao Maria, questa presentazione è davvero stuzzicante! Dalla sinossi e da quello che hai descritto mi ha ricordato molto il mio autore preferito, Daniel Pennac. Anche lui ha scritto libri incentrati su un mistero e il suo universo narrativo è popolato da personaggi iconici e davvero sopra le righe. E, come se non bastasse, Penny (sì, lo chiamo così, perché gli voglio bene assai!) scrive divinamente, con un perfetto mix tra poesia e ironia. Credo che dovrò quindi dare una chance al libro che hai suggerito, perché potrebbe proprio essere nelle mie corde! :D Un bacione

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao! Non ho mai letto niente di Pennac, purtroppo, e quindi non ti saprei proprio dire se i due stili di questi autori sono simili..ma dovrò rimediare :)
        Comunque sono certa che questo libro ti piacerà ^_^

        Elimina