martedì 6 dicembre 2016

Recensione: L'uomo che inseguiva i desideri di Phaedra Patrick

Buon pomeriggio ragazzi! La recensione di oggi riguarda un libro di cui ho sentito parlare tanto e bene, L'uomo che inseguiva i desideri di Phaedra Patrick. Ho desiderato a lungo di leggerlo ed ero piena di entusiasmo quando finalmente ho avuto il libro tra le mani.  Ma purtroppo la storia ha deluso le mie altissime aspettative, anche se non mi sento di bocciarla del tutto.



EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 1 settembre 2016
PREZZO DI COPERTINA: 16,90€
PREZZO EBOOK: 9.99€
PAGINE: 277

SINOSSI: Da un anno, ogni mattina, Arthur Pepper si sveglia alle sette e compie con esattezza gli stessi gesti. Si veste seguendo un ordine preciso, mangia una fetta di pane tostato, poi alle otto e mezzo si mette a sistemare il giardino. Questo è l'unico modo per superare il dolore per la perdita dell'amata moglie, Miriam, dopo tutta una vita passata insieme. Solo così gli sembra di poter fìngere che lei sia ancora con lui. Ma il giorno del primo anniversario della sua scomparsa, Arthur prende coraggio e decide di riordinare gli oggetti di Miriam. Nascosta tra gli stivali, vede improvvisamente una scatolina. Dentro c'è un braccialetto con dei ciondoli: sono a forma di tigre, fiore, elefante, libro e altri piccoli oggetti. L'uomo sulle prime è perplesso; la moglie non indossava gioielli. Ma poi guarda con più attenzione e si accorge che su un ciondolo è inciso un numero di telefono, che Arthur non può fare a meno di chiamare subito. È l'inizio della ricerca e delle sorprese. Seguendo i ciondoli Arthur compie un viaggio che lo porta su un'assolata spiaggia di Goa che ha visto la donna giocare con un bambino indiano, a Londra da un famoso scrittore, in un'accademia d'arte dove è custodito un ritratto di Miriam da giovane, a Parigi in una raffinata boutique, in un castello della campagna inglese dove incontra una tigre, e in tanti altri luoghi che non aveva mai visitato. Un viaggio che gli fa scoprire una Miriam sconosciuta, ma che ha ancora tanto da insegnargli.

LA MIA OPINIONE

Forse dovrei imparare a non avere alte aspettative nei confronti di libri che inizialmente mi colpiscono solo per trama o copertina, perché nella maggior parte dei casi puntualmente vengono deluse. E la delusione offusca quanto invece la storia aveva di bello, rendendo anche il mio giudizio meno oggettivo.

Arthur è un sessantanovenne che ha perso la voglia di vivere da quando la sua amata moglie Miriam è morta. Le sue giornate infatti sono scandite sempre dalla stessa routine ed egli cerca sempre di rifiutare tutte le novità e tutte le persone che cercano invece di aiutarlo ad uscire dalla sua apatia. Nonostante due figli, più legati alla madre e che ormai hanno una loro vita, il nostro protagonista è solo e vive esclusivamente in funzione dei ricordi della vita felice passata con sua moglie.
Il giorno del primo anniversario della morte di Miriam, però, Arthur trova casualmente un braccialetto pieno di piccoli ciondoli appartenuto a sua moglie su cui sono disseminati una serie di indizi che gli permetteranno di vivere un'avventura straordinaria.
Arthur infatti, ben determinato a scoprire il mistero che si cela dietro quel braccialetto, comincia ad indagare e ognuno di quei ciondoli lo porteranno in un luogo diverso, gli faranno conoscere persone diverse, particolari e originali, e porteranno alla luce un piccolo pezzo del passato di Miriam di cui egli era totalmente all'oscuro. Insomma, l'uomo scopre che sua moglie, prima di conoscerlo, ha avuto una vita fuori dall'ordinario, o almeno diversa dal tipo di esistenza vissuta accanto al marito: semplice, tranquilla e serena, con una casa modesta e due figli da accudire.
A questo punto Arthur comincia a interrogarsi sulla vera natura dell'amore di sua moglie. Perché dopo anni vissuti all'insegna dell'avventura si era accontentata di una vita ritirata, accanto a un uomo che le ha offerto solo il suo amore incondizionato?
La verità verrà a galla e se per certi versi non sarà del tutto piacevole per Arthur, dall'altro spicca ai nostri occhi l'immenso e commovente amore che l'uomo prova nei confronti di Miriam, che gli sarà indispensabile per superare i momenti più difficili e per spronarlo a iniziare una nuova vita.

Le mie alte aspettative erano principalmente legate al mistero dei ciondoli del braccialetto. Non mi aspettavo di certo un enigma succoso e intrigante, degno del più brillante thriller, ma neanche la scoperta del passato oscuro e movimentato di Miriam. In particolare, le mie perplessità sono legate al fatto che mi risulta inverosimile nascondere al proprio uomo e padre dei propri figli una parte così ingombrante della propria vita e che, viceversa, Arthur non abbia mai approfondito il passato di sua moglie.
Insomma, l'enigma del braccialetto, che sembra essere in primo piano nella narrazione, è solo il punto di partenza per la rinascita di Arthur, la molla che fa scattare tutto.
Infatti a conclusione della storia il nostro protagonista è un uomo nuovo, di nuovo felice perché ha ritrovato la voglia di vivere, colmo di gioia perché ha conosciuto e aiutato tante nuove persone, girato il mondo e riunito la propria famiglia. E chissà..magari in futuro nel suo cuore potrebbe di nuovo esserci spazio per l'amore.

L'uomo che inseguiva i desideri è una storia di rinascita, un'inno alla vita e alla sua bellezza di essere vissuta, fino all'ultimo istante.
Phaedra Patrick, con il suo stile fluido e scorrevole, ci ha regalato un piacevole racconto di vita, amore e rinascita, certamente non del tutto eccezionale e privo di mancanze e imperfezioni, ma certamente mi ha impartito una grande lezione, quella di vivere la vita con passione, sempre e fino in fondo!

"Stava provando emozioni di cui non conosceva neppure l'esistenza. Aveva cominciato a scoprire persone e animali che lo eccitavano. Non era pronto per marcire nella sua poltrona, piangendo la moglie e aspettando una telefonata dei figli, mentre riempiva le giornate innaffiando la pianta e guardando la tv."


Phaedra Patrick: ha lavorato come artista del vetro, come organizzatrice di festival cinematografici e come responsabile della comunicazione. Vive a Saddleworth, nel Nord dell’Inghilterra, con il marito e il figlio. (dal sito Il Libraio)

23 commenti:

  1. Ciao cara Maria, sono perfettamente d'accordo con te. Anche io non ho trovato questo romanzo stratosferico ma la storia di Arthur aveva incuriosito parecchio anche me, anche se al contrario di te non sono partita con grandi aspettative, diciamo normalmente. Però anche io ho colto la lezione sulla passione e sulla voglia di vivere e soprattutto la forza di vivere tutto fino alla fine.
    Un abbraccio forte! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta <3 Eh si, io sbaglio a entusiasmarmi sempre prima di iniziare letture che si preannunciano interessanti, ma in questo caso pensavo davvero che sarei rimasta soddisfatta!
      La lezione sulla vita però rimarrà sempre dentro il mio cuore <3

      Elimina
  2. ciao cara Maria, come sai ho letto ed amato questo romanzo, non gli ho dato il punteggio pieno ma la forte sensibilità di Arthur mi è arrivata dritta al cuore. Di sicuro lo ricorderò davvero con piacere però, si, capita anche a me che quando inizio un libro avendo altissime aspettative poi ci resto un po' delusa, in questo ci capiamo alla perfezione ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely <3 Si, ricordo quando mi hai scritto che ti aveva colpito l'amore che Arthur provava sempre e comunque nei confronti della moglie, nonostante le cose che ha scoperto, e sono d'accordo con te, mi sono commossa di fronte al grande cuore del protagonista <3

      Elimina
  3. Ciao Maria, aspettavo la tua recensione! Non ho letto il libro ma le recensioni erano ultra positive e mi dispiace che non ti sia piaciuto molto. Certo, le aspettative sono il Male, è sempre meglio averle il più basse possibile perchè altrimenti il rischio di rimanere delusi è dietro l'angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia, è dispiaciuto molto anche a me, ma come ho scritto, sono state le alte aspettative a offuscare anche ciò che il libro aveva di bello. Devo imparare a iniziare le letture in modo normale, senza entusiasmarmi troppo :)

      Elimina
  4. Buongiorno, è capitato anche a me molte volte di leggere libri su cui ho riposto tante aspettative, soprattutto quando si tratta di libri di cui tutti parlano e benissimo. Quando poi li leggo e non mi sembrano granché mi faccio pure delle domande ma alla fine il gusto è personale e quello che può piacere al mondo a noi no... Ti confesso che ho saltato la parte del braccialetto perché anche io voglio leggerlo per scoprire cosa significa, il fatto che non ti sia piaciuto molto mi mette qualche dubbio sul leggerlo... Però, non l'hai bocciato del tutto quindi magari una possibilità gliela darò!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mikla, si leggilo perché io essendo amante di misteri, thriller e via dicendo, mi ero molto fissata sulla faccenda del braccialetto..mi aspettavo chissà cosa e ho trascurato il resto della storia..magari a te piacerà <3

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. La faccenda dei ciondoli indurrebbe sicuramente anche me a comprare quel libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio la faccenda dei ciondoli che mi ha incuriosita fin dall'inizio e uno dei motivi per cui volevo assolutamente leggere questo libro :)

      Elimina
  7. Ciao!! Non conoscevo questo libro, però dalla sinossi sembra un romanzo che potrebbe piacermi. la tua recensione però mi ha frenata! Anche io come te mi faccio troppo prendere da trama e sinossi e molto spesso ci rimango male quando poi il libro non è all'altezza delle mia aspettative!! Ma tanto so che non imparerò mai a fa diversamente!!
    Mi è piaciuta molto la tua recensione:)
    Un caro saluto
    Nik

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nik, sono felice di sapere che non sono l'unica a non riuscire a cambiare questo atteggiamento :)
      Buon inizio di settimana!

      Elimina
  8. Volevo prenderlo ma adesso sono un po' frenata... mi é successo molte volte di aspettarmi molto da un libro e, dopo averlo letto, di rimanerne delusa!
    Recensione utilissima!
    Nuova iscritta! Mi farebbe molto piacere se passassi da me e ricambiassi!
    http://lammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di esserti iscritta, passo subito da te ^_^

      Elimina
  9. Ciao Maria, eccomi per ricambiare la tua graditissima visita. Mi sono iscritta ai tuoi lettori fissi con piacere, e avrei una domanda un po' tecnica...vedo che con la versione ebook dei libri si risparmia moltissimo e la trovo utilissima per ragazzi che studiano, gli ebook sono riferiti sempre ad Amazon oppure ci sono altre possibilità? Scusa se la domanda può sembrare stupida ma sono all'oscuro e mi vorrei informare!
    Grazie
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary, grazie di essere passata da me, mi fa molto piacere ^_^
      Per quanto riguarda gli ebook, si possono acquistare su tutti i siti che vendono libri online (Amazon, Mondadori, Feltrinelli, ecc..) e si possono leggere sia sugli ebook reader come Kindle o Kobo, che sui tablet e pc (solo che in quest'ultimo caso si dovrebbero avere o scaricare programmi appositi per leggerli. C'è anche la possibilità di acquistare gli ebook in formato pdf e in questo caso si possono leggere tranquillamente ovunque, anche sul cellulare :)
      Se hai bisogno di altri chiarimenti chiedi pure ^_^
      Buona giornata!

      Elimina
  10. Ciao Maria! Mi spiace che non abbia rispettato le tue aspettative, a me invece è piaciuto tanto...e in ogni caso solo per la cover merita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Autumn, si, cover e titolo sono splendidi e sono contenta che a te sia piaciuto ^_^

      Elimina
  11. Mi spiace non ti abbia del tutto convinta. Non ho letto questo libro, ma la copertina e la trama avrebbero indotto anche me a dargli una possibilità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dispiace anche a me, avevo trovato la copertina meravigliosa e anche il titolo :)

      Elimina
  12. Un peccato la copertina era bellissima e ricordo di averlo messo tra le prossime letture, capisco bene cosa intendi quando parli di aspettative alte che puntualmente vengono deluse. Complimenti bellissima recensione come al solito :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :-** Se deciderai di leggerlo, fammi sapere cosa ne pensi..spero che a te piaccia :)

      Elimina