venerdì 30 dicembre 2016

I libri del mese #Dicembre2016: Una mattina di ottobre - Caffè amaro - La moglie bugiarda

Buon pomeriggio ragazzi!
Questo è l'ultimo post del 2016. Un altro anno volge al termine, un anno che per me è stato molto difficile, ma anche speciale. Speciale perché a giugno ho deciso di aprire questo mio piccolo angolino che continua a darmi tante soddisfazioni e che è una mia minuscola fonte di felicità!
Quindi ricorderò questo 2016 anche per questo!

Ma bando alle ciance, vi lascio al mio parere sui libri che ho letto nei mesi scorsi, ma di cui non sono riuscita a pubblicare la recensione. Infatti a dicembre, tra influenza e malessere generale, non sono riuscita ad aprire molti libri.
Coincidenza non voluta, sono tre storie scritte da donne e con protagoniste donne.
Una mattina di ottobre e Caffè amaro sono ambientati nella nostra Italia, a Roma e in Sicilia, e si sviluppano più o meno nello stesso periodo storico. Due storie forti e delicate allo stesso tempo che mi hanno colpito molto.
La moglie bugiarda è invece  il flop del mese, copia di libri già letti.
Ma vi lascio alle recensioni più dettagliate e vi auguro un felice anno nuovo ^_^

venerdì 23 dicembre 2016

Segnalazione: Semi e Semivivi (L'investigatorhobby Vol.3) di Simona Carlini

Buon pomeriggio ragazzi!
Sono contenta di segnalarvi una breve storia intitolata Semi e Semivivi che fa parte di una serie di racconti gialli-umoristici che la scrittrice emergente Simona Carlini sta scrivendo.
Come ho giù ripetuto tante volte, adoro i gialli e l'accostamento di questo genere a quello umoristico non può che far salire il mio entusiasmo alle stelle!
Il racconto è disponibile in formato ebook su Amazon.
Vi lascio tutti gli altri dati:

mercoledì 21 dicembre 2016

Segnalazione: Un'insolita armatura di Alessio Bergamin

Buon pomeriggio ragazzi!
Anche oggi vi propongo la segnalazione di un libro che io considero speciale, intitolato Un'insolita armatura, scritto da Alessio Bergamin.
Alessio è un ragazzo di 19 anni che convive con una patologia rara (Nevo Epidemico gigante), che gli provoca non poche difficoltà, ma che affronta la vita con "ironia e felicità".
Le sue parole mi hanno toccato il cuore e fatto emozionare: "Ho cercato di raccontare la mia esperienza  di studente al quinto anno di ragioneria, alle prese con le quotidiane battaglie di un ragazzo adolescente che, in più, deve provvedere a quella ‘insolita armatura’ fatta di tessuto epidermico che ricopre e appesantisce la pelle. È la corazza esteriore che mi ha fatto costruire quella interiore, resistente, coriacea, pronta a sfidare ogni nuovo intervento di laserterapia per rimuovere gli attacchi insidiosi del nevo che appesantisce le palpebre e mi provoca infezioni e fastidi."

E ancora: "Alessio è un ‘vincente’. Purtroppo però la sua malattia è rara quindi è orfana di aiuti concreti da parte dello Stato, soprattutto a causa di una forte carenza di informazione.
Quello che si legge non è, tuttavia, il racconto delle sofferenze e dei travagli patiti, al contrario, è la vita di un ragazzo in tutta la sua esplosiva sete di avventura, di voglia di vivere nonostante le difficoltà, in una divertente commistione di autoironia e autocompiacimento, che il linguaggio fresco e vivace accentua, rendendo avvincente la lettura."

Oltre ai dati, vi lascio anche i link del sito dell'editore (cliccate qui) e della pagina Facebook del libro (cliccate qui).

martedì 20 dicembre 2016

Recensione:Una famiglia quasi perfetta di Jane Shemilt

Buon pomeriggio ragazzi e buon inizio di settimana!
La recensione di oggi riguarda un thriller intitolato Una famiglia quasi perfetta, scritto da Jane Shemilt, che non mi ha entusiasmato parecchio, soprattutto il finale, ma che si è rivelato una storia dolorosa che testimonia la sofferenza di una madre che ha perso una figlia. Ed è per questo che non l'ho inserito nell'elenco del libri che per me si sono rivelati del flop completi.

venerdì 16 dicembre 2016

Recensione: E se poi te ne penti? di Cristina Vichi

Buon pomeriggio ragazzi!
A fine novembre vi avevo segnalato il nuovo libro di un'autrice che apprezzo molto, Cristina Vichi, intitolato E se poi te ne penti?
Ho scoperto questa scrittrice molto brava e coinvolgente qualche tempo fa, quando mi ha proposto di leggere i suoi Celeste: l'ardore di una donna (la mia recensione qui) e il suo sequel Celeste: la forza di una regina (la mia recensione qui), due storie che mi hanno completamente conquistato.
E la ringrazio nuovamente per avermi dato la possibilità di leggere anche questo suo ultimo lavoro.
Ma Cristina non ha conquistato solo me, infatti condivido la passione per le sue storie con quel tesoro di ragazza e bravissima blogger di Ely de Il Regno dei Libri e vi invito a leggere anche la sua recensione di questo libro, che potete trovare qui.

martedì 13 dicembre 2016

Recensione: Euridíce Gusmão che sognava la rivoluzione di Martha Batalha

Buon pomeriggio ragazzi!
La mia recensione di oggi riguarda un tipo di lettura che rientra tra le mie preferite, ovvero un libro con protagonista una donna e scritto da una donna, Euridíce Gusmão che sognava la rivoluzione di Martha Batalha.
Ambientato in Brasile negli anni '40, il romanzo ruota intorno alla vita di Euridíce, donna modello, ma nello stesso tempo ribelle, che fa fatica ad emanciparsi e realizzarsi in una società tipicamente maschilista che relega le donne al solo ruolo di mogli e madri.

martedì 6 dicembre 2016

Recensione: L'uomo che inseguiva i desideri di Phaedra Patrick

Buon pomeriggio ragazzi! La recensione di oggi riguarda un libro di cui ho sentito parlare tanto e bene, L'uomo che inseguiva i desideri di Phaedra Patrick. Ho desiderato a lungo di leggerlo ed ero piena di entusiasmo quando finalmente ho avuto il libro tra le mani.  Ma purtroppo la storia ha deluso le mie altissime aspettative, anche se non mi sento di bocciarla del tutto.