venerdì 3 febbraio 2017

Recensione: The Chemist - La Specialista di Stephenie Meyer

Buon pomeriggio!
Mi sento particolarmente euforica mentre scrivo questa recensione perché finalmente, dopo tante letture non proprio entusiasmanti, mi sono imbattuta nel nuovo lavoro dell'autrice Stephenie Meyer, famosissima per aver pubblicato la Saga di Twilight e che ora ha deciso di deliziare i suoi vecchi e nuovi fans con questo avvincente thriller intitolato The Chemist - La Specialista. 



EDITORE: Rizzoli
DATA DI PUBBLICAZIONE: 24 novembre 2016
PREZZO DI COPERTINA: 20€
PREZZO EBOOK: 9,99€
PAGINE: 540 

SINOSSI: Lei lavorava per il governo degli Stati Uniti, per un'agenzia così segreta che non ha neanche un nome. È un'esperta nel suo campo, ma adesso sa qualcosa che non dovrebbe sapere, e i suoi ex capi la vogliono morta. Subito. Non può restare a lungo nello stesso posto, né mantenere la medesima identità per troppo tempo, e l'unica persona di cui si fidava è stata uccisa. Quando le viene offerta la possibilità di mettersi in salvo, in cambio di un ultimo lavoro, lei accetta, ma nel momento in cui si prepara ad affrontare la sfida più dura, si innamora di un uomo. E sarà una passione che può soltanto diminuire le sue possibilità di sopravvivenza. Mentre tutto si complica, la Specialista sarà costretta a mettere in pratica il suo "talento" come mai prima. In un mondo in cui i rapporti di fiducia mutano di continuo, dovrà muoversi con ingegno e astuzia per proteggere se stessa e l'uomo che ama.

LA MIA OPINIONE

Ammetto, quasi vergognandomi, di non aver mai letto nessun libro della serie di Twilight, perché solo ultimamente sto imparando ad apprezzare quel genere di storie.
Quindi non conoscevo assolutamente lo stile di questa autrice, che si è rivelato per me sorprendente sin da quando ho iniziato a leggere le prime frasi di questo entusiasmante thriller dalla trama perfetta e originale, almeno per i miei gusti.

Juliana Fortis vive da qualche tempo una vita tremendamente complicata. Una vita che non può più essere definita tale perché non solo è costantemente in fuga, ma deve anche attuare stratagemmi di ogni tipo nella sua routine quotidiana per non farsi beccare da chi la vuole morta, ovvero cambiare continuamente identità e domicilio, utilizzare sistemi di sicurezza sofisticati o girare perennemente armata e camuffata.
Tutto ciò finché i suoi ex datori di lavoro, gli stessi che vogliono Juliana morta perché è a conoscenza di troppi segreti legati al Dipartimento,riescono a mettersi in contatto con lei con una proposta tanto sorprendente quanto sospetta: migliaia di persone sono in pericolo di vita e solo il suo talento e la sua esperienza potrebbero scongiurare quella minaccia. In cambio, La Specialista avrà salva la vita.

"L'aria è cambiata. Abbiamo bisogno di te. Accetteresti delle scuse non ufficiali? Possiamo incontrarci? Non te lo chiederei, ma ci sono delle vite in pericolo. Molte, molte vite."

Fidarsi o meno? D'altronde il dipartimento le aveva teso più volte delle trappole con l'intento di catturarla, ma in questo caso un barlume di speranza le si è acceso nel cuore, forse perché stanca della sua vita continuamente in fuga.

"E se quella fosse davvero una soluzione per far sì che smettessero di braccarla? E se la convinzione che si trattasse di una trappola derivasse solo dalla paranoia e dai troppi libri di spionaggio che aveva letto negli ultimi tempi?
Se il lavoro fosse stato davvero importante, forse in cambio le avrebbero ridato la sua vita..
Improbabile."

Pur con grandi dubbi e paure, Juliana decide di accettare la proposta, ma decide di fare a modo suo e con tutte le dovute precauzioni.
Il suo obiettivo è Daniel Beach, insegnante in una scuola superiore e volontario in alcune campagne umanitarie. Apparentemente un uomo pulito, ma accusato di essere in combutta con pericolosi terroristi in possesso di un'arma biologica di distruzione di massa.
Una volta catturato il suo uomo, ecco un grande colpo di scena, il primo tra i tanti, che catapulteranno il lettore in una spirale rocambolesca di azione e suspense che non avrà mai fine, se non con l'epilogo.

Da tanto, troppo tempo, non assaporavo una storia intensa come quella di The Chemist-La Specialista, una lettura da cardiopalma, che mi ha tenuta col fiato sospeso dal primo all'ultimo capitolo.
Forse per la prima volta da quando scrivo recensioni, non ho nessuna critica da muovere né per quanto riguarda lo sviluppo della trama, né per lo stile o la forma adottati dall'autrice.
E' tutto perfetto e soprattutto equilibrato: molti colpi di scena, ma sensati e non esagerati, approfondimento adeguato di tutte le tecniche e le meccaniche adottate dalla protagonista, senza però scadere in dettagli che avrebbero solo annoiato e la giusta dose di suspense per tenere alta l'attenzione fino alla fine. Il risultato è stato coinvolgermi e appassionarmi per tutte le 540 pagine del libro, non pochissime quindi, soprattutto per me che non adoro i libri troppo lunghi.
E Stephenie Meyer è riuscita in questa impresa, rendendomi molto soddisfatta di questa lettura. Quando ho letto l'epilogo quasi non credevo che il libro fosse giunto al termine e mi sono chiesta: "E' davvero finita?", come se da un momento all'altro altri colpi di scena potessero sorprendermi su pagine che si sarebbero materializzate dal nulla.
Sarebbe molto interessante se realizzassero una serie televisiva ispirata a questo libro, così come accaduto per gli altri lavori dell'autrice (oltre Twilight, anche The Host).
E con l'adrenalina ancora in circolo, mi sono catapultata a scrivere questa recensione che spero possa almeno portarvi a fare un pensierino su questa storia che mescola azione e suspense e che non tralascia nemmeno un lato romantico. Consiglio a tutti di non perderla assolutamente, appassionati del genere e non.

Stephenie Meyer: è laureata in letteratura inglese alla Bringham Young University. La serie di Twilight è stata un'incredibile successo internazionale con 155 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Il suo primo romanzo per adulti, L'ospite, pubblicato da Rizzoli nel 2008, è stato per 26 settimane al primo posto della classifica dei bestsellers del New York Times, ha venduto in Italia oltre 150000 copie ed è diventato un film nel 2013.
Stephenie Meyer vive in Arizona con il marito e i tre figli.









32 commenti:

  1. Ciao! Ma che bella recensione entusiastica :) Ammetto anche io di non aver letto la saga di Twilight e ad assere sincera non avrei dato una lira neppure a questo. Però parlo da prevenuta, mi segno questo titolo perché secondo me la Meyer mi farà ricredere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viola, grazie :) Anche io ero prevenuta quando ho scoperto che la Meyer era anche autrice di Twilight, ma per fortuna la trama mi ha intrigato molto, convincendomi a dare una possibilità al libro. E posso dire di aver fatto bene a seguire le mie sensazioni :)

      Elimina
  2. Buon Venerdì pomeriggio Maria! Bella e stimolante recensione! Come te conosco poco la Meyer, infatti l'unico libro che ho parzialmente affrontato, (parzialmente perché non l'ho finito per scarso interesse), è Twilight, che mi prestò mia sorella (al contrario di me fan sfegatata di tutta la serie) ... non amo molto quel genere ... ma ho voluto dargli una chance anche se il risultato non c'è stato! qui il tema è differente e il giallo, che a me piace molto, mi da più stimoli (grazie anche a te) di affrontare al meglio questo libro! a presto e complimenti! Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania, spero che deciderai di leggerlo :) Se ami i gialli pieni di suapanse e azione, questo è il libro giusto per te :)

      Elimina
  3. Ciao Maria! Sono felice che la tua recensione sia positiva, prima di tutto perchè fa davvero bene leggere qualcosa che ci colpisce totalmente, è una bella sensazioni, anche quando finisci il libro ti senti meglio, almeno a me capita così.
    Poi sono anche felice del fatto che questo romanzo sia una bella lettura e che sia entusiasmante e infatti la tua recensione è la prima che leggo.
    La storia sembra molto intrigante e particolare e lo stile non sembra da meno.
    Sai che mi fido di tutto quello che dici, quindi lo leggerò! <3
    Un abbraccio forte! :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta, grazie mille <3 Hai proprio ragione, una bella lettura è gratificante e ti lascia un senso di soddisfazione impagabile *_*
      Sono sicura che questo libro ti piacerà, penso sia una di quelle letture fatte apposta per noi :)
      Un bacione grande :-**

      Elimina
  4. Ciaoo!! Sto giusto finendo The Chemist in questi giorni e posso dire di non averlo apprezzato quanto lo hai fatto tu! Hai scritto una bellissima recensione da cui traspare il tuo coinvolgimento nella storia, cosa che io purtroppo non ho provato! E' sicuramente un bel libro e si legge bene perchè lei sa scrivere (per me è il primo libro di questa autrice) ma non ho provato il coinvolgimento che mi fa smaniare dalla voglia di proseguire.... e soprattutto non ho avuto nessuna empatia coi personaggi! E' decisamente un bel libro ma non è il capolavoro che speravo, questo almeno per me, sono contenta che invece lo sia stato per te! :)
    a presto! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie :) Mi spiace che il libro non ti abbia coinvolto come è successo a me. Ognuno di noi prova sensazioni diverse quando legge ed è bello confrontarsi per capire cosa ha suscitato in altre persone la stessa storia che hai letto tu :)

      Elimina
  5. Ciao Maria! Che bella recensione! Devo dire che inizialmente non avevo intenzione di leggere questo libro, non so nemmeno io perché, forse per via del fatto che la saga di Twilight non mi aveva entusiasmato più di tanto, però mi sa proprio che mi hai fatto cambiare idea e adesso sono curiosissima di scoprirne di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katy, grazie :) Mi fa piacere averti fatto cambiare idea. Io Twilight non l'ho letto e direi per fortuna perché altrimenti sarei partita ancora più prevenuta!

      Elimina
  6. Ciao Maria!
    Anche io non ho letto la saga di Twilight, ma ho recuperato l'autrice prima con The Host, e poi con The Chemist, che è stata la mia prima lettura del 2017!
    Concordo con te in diversi punti ma, come ho detto varie volte sul mio blog, ho trovato una piccola pecca: l'inizio. Non perché iniziasse male o cose varia, bensì perché ho trovato le prime 100 (circa) pagine un po' ''noiose'', anche se non è il termine adatto. Non sono entrata subito nella storia, ecco!
    Fatto sta, che anche a me è piaciuto moltissimo e mi piacerebbe davvero molto se facessero un film su di esso (ovviamente strutturato al meglio).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! In effetti nella prima parte del libro si legge una sorta di storia nella storia, ovvero gli antefatti e la drammatica vita quotidiana della protagonista. E tante descrizioni e dettagli, se non si trovano interessanti, possono annoiare. A me per fortuna non è successo, anzi, aumentava in me la curiosità di entrare nel vivo della storia :)

      Elimina
  7. E dopo questa splendida recensione non posso che non leggerlo, avevo già in mente ma avendo letto i libri precedenti della Meyer non volevo buttarmi in questo che si discosta così tanto da quello che ha già scritto e invece mi hai pienamente convinta:)
    Un saluto dal blog destinodicarta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :-* Sono contenta di averti convinta, se ti piace lo stile della Meyer, probabilmente ti piacerà anche questo suo lavoro, nonostante si discosti dagli altri!
      Un abbraccio :-*

      Elimina
  8. Ciao Maria^^
    Conosco la Meyer e penso che sia un'autrice molto talentuosa. Questo libro me lo sono segnato da un bel po'nella mia lista, ora devo solo trovare il tempo per leggerlo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky <3 Anche io penso che sia un'autrice molto brava, ma vorrei leggere anche gli altri suoi libri per avere piena conferma. The Host lo leggerò sicuramente :)

      Elimina
  9. Ciao Maria :-) Questo libro mi aveva colpito proprio perché non tratta di vampiri e credo che, leggendo la tua recensione, l'autrice abbia fatto bene a non rimanere attaccata a quel genere di opere solo per il grande successo ottenuto. Credo che lo metterò in lista visto il parere così positivo che ne hai dato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mikla :) Anche io penso che la Meyer abbia fatto bene a discostarsi da quel genere, anche perché è molto brava e capace di scrivere storie di qualsiasi tipo :)

      Elimina
  10. L'entusiasmo che hai messo nel recensire questo libro mi ha incuriosito tantissimo quindi ho preso nota del titolo del libro.

    RispondiElimina
  11. Ciao Maria, ma lo sai che ho finito questo libro giusto ieri?? E sarà la mia prossima recensione, neanche a farlo apposta!
    Io sono un'ammiratrice della Meyer della prima ora, però questo titolo, pur non essendomi dispiaciuto, non mi ha fatto neanche impazzirexD In ogni caso, sono contentissima che ti sia piaciuto e ti consiglio L'ospite, un distopico molto bello (Twilight te lo consiglio un po' meno, ma lì è questione di gustixD).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia! Non vedo l'ora di leggere la tua recensione, sicuramente coglierò altri aspetti di questa storia che magari mi sono sfuggiti. Leggendo anche gli altri commenti, mi sa che è piaciuto molto solo a me xD
      L'ospite avevo già intenzione di leggerlo, magari non subito, ma sicuramente non rimanderò a lungo. La trama mi ha incuriosito. Ti farò sapere!

      Elimina
  12. Oh, si! Tutto questo entusiasmo ha contagiato anche me 😊😉

    RispondiElimina
  13. Se può consolarti "Twilight" non l'ho letto nemmeno io.
    E, visti i film, nemmeno me ne pento.
    Poi, si sa, i libri sono sempre meglio. Ma proprio non mi attirano.
    Questo, però, l'ho messo nella mia wishlist e, da quello che ho letto qua, ho fatto bene :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente i libri di Twilight non attirano neanche me, infatti di questa autrice leggerò sicuramente e solo The Host :)

      Elimina
  14. ciao, sono contenta che ti sia piaciuto, io sono veramente curiosa riguardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il genere un po' ti piace, ti consiglio di leggerlo :)

      Elimina
  15. Di questa autrice vorrei leggere the host: ho visto il film e me ne sono innamorata, invece non ho né letto né visto twilight....nn mi piace 😑, troppo beautiful.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io prossimamente leggerò The Host e come te credo che eviterò Twilight, ma devo ancora decidere :)

      Elimina
  16. Di questa autrice vorrei leggere the host: ho visto il film e me ne sono innamorata, invece non ho né letto né visto twilight....nn mi piace 😑, troppo beautiful.

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina