giovedì 16 febbraio 2017

Recensione: L'Altare dell'Abisso di Patrich Antegiovanni

Buon pomeriggio!
Oggi vi parlo del libro di esordio di Patrich Antegiovanni, intitolato L'Altare dell'Abisso, un mistery thriller ambientato nella campagna umbra, a Bevagna, piccolo borgo dove l'autore vive da pochi anni, che mi ha entusiasmato e piacevolmente sorpreso sotto tanti aspetti.
Ringrazio l'autore per avermi dato la possibilità di leggere la sua storia e vi lascio alla mia recensione.



EDITORE: Selfpublishing
DATA DI PUBBLICAZIONE: 16 dicembre 2016
PREZZO DI COPERTINA: 16,49€
PREZZO EBOOK: 3,99€
PAGINE: 375

Link d'acquisto: Amazon

SINOSSI: Bevagna, nella tranquillità apparente della piana umbra, dove il Lago Aiso si incastona tra i campi, la vita di Fedro Soli, un trentenne di Parma, proprio non va: il lavoro, l'aspirazione, i litigi con la moglie Amalia e la paternità non voluta. Ma nulla è come crede. In pochi giorni Fedro passerà attraverso una scomparsa, un omicidio, antichi tomi di alchimia, personaggi coloriti e una mescolanza di religioni fino ad affrontare l’Ordine degli Adepti e il suo scopo finale. Invischiato, senza poter scegliere, in forze oniriche ed ermetiche, nella potenza dell’amore e del fascino esotico. Ma disperazione infonderà coraggio e istintività provocandolo affinché concluda il percorso di metamorfosi e abbia la sua personale, al contempo dolorosa, rivelazione. Anche per il lettore dell’Altare dell’Abisso nulla sarà come sembra, sballottato tra bugie e verità, colpi di scena e ribaltamenti, finta stasi e strappi improvvisi, archeologia indigena e futuro universale. Il mix deflagrante che rende questo mystery thriller un romanzo d’assaporare fino all’ultima sillaba. “Mutamento, fuoco che non brucia né distrugge, putrefarà, corromperà, genererà e perfezionerà. Nero tramuterà in bianco prima, in giallo poi e partorirà rosso. Fuoco umido di quattro colori, le fiamme che compiranno l’Opera.”

LA MIA OPINIONE

Quando ho letto per la prima volta la trama di questo thriller, ho subito intuito che sarebbe stata una storia molto interessante e le mie sensazioni sono state ampiamente confermate.

Fedro Soli è un web content editor di trent'anni molto insoddisfatto della sua vita. E' sposato con Amalia, da cui aspetta un figlio, e che lo obbliga a dover svolgere un lavoro non appagante per sostenere le spese del mutuo. Il sogno di Fedro, infatti, è quello di diventare un bravo scrittore e questa sua passione provoca continue liti con sua moglie.

"Sentiva che l'esistenza era stata avara con lui e perché non cambiarla? Un nuovo lavoro, una vita diversa rispetto a quella imposta dalla moglie, un altro genere di resurrezione. Nell'istante in cui si delineavano i contorni, l'idea scomparve subito.
Fedro sapeva di mancare in istinto, disperazione e coraggio. Flettere, anche di un minimo, il percorso dell'esistenza richiedeva un atto di forza, e solo scegliere cosa indossare la mattina richiedeva appunto una scelta."

Inoltre, l'uomo non ha neanche un buon rapporto con la famiglia di origine, soprattutto con suo padre verso cui prova un profonda astio per alcuni episodi accaduti durante la sua infanzia.
Da un anno, Fedro e Amalia si sono trasferiti da Parma a Bevagna, in Umbria, perché rimasti affascinati dalla campagna e dal vivere sano che in città non avrebbero mai trovato.
Ed è proprio in questa splendida località che il ragazzo trova ispirazione per scrivere il suo primo libro. Quasi per caso fa la conoscenza dei suoi vicini di casa, i Cecagallina, diventando molto amico di Saverio, figlio del capofamiglia Verano. I Cecagallina posseggono una caratteristica tenuta dove producono vino e dove Saverio coltiva un'altra sua passione, non proprio legale, ovvero collezionare reperti archeologici, che ricerca personalmente nelle campagne circostanti, legati all'antico popolo umbro.
Colpito e affascinato dalla stramberia e dalla innata simpatia di Saverio, decide che sarà proprio lui il protagonista del suo libro, anche se inizialmente non rivela all'amico queste sue intenzioni.
Tutto procede nel migliore nei modi e Fedro è animato da un nuovo e appagante entusiasmo, finché una sera sua moglie Amalia scompare. Questo evento darà il via a una catena di avvenimenti che suo malgrado lo coinvolgeranno in una spirale di misteri, scomparse, riti esoterici legati alle antiche tradizioni umbre e non solo: Fedro dovrà fare i conti anche con il suo passato e la sua famiglia.
Tutti questi eventi, legati non solo tra loro, ma anche alla scomparsa di Amalia, porteranno Fedro a scoprire sconcertanti verità e saranno scanditi da colpi di scena, scelte fondamentali e corse contro il tempo che il ragazzo, aiutato dal fedele Saverio, dovrà compiere per salvare sua moglie e il figlio che porta in grembo.

Come già scritto, L'Altare dell'Abisso mi ha piacevolmente colpito sotto molteplici aspetti, il primo dei quali è stato constatare che il thriller è stato ben congegnato e che l'autore, pur essendo al suo primo lavoro, si è rivelato all'altezza di autori che scrivono da anni. Non ho riscontrato, infatti, banalità, assurdità o punti lasciati in sospeso e anche se la storia è impregnata da elementi soprannaturali, il tutto è risultato molto convincente ai miei occhi.
In secondo luogo, da laureata in archeologia e appassionata del mondo romano e preromano, nonché incuriosita da temi quali misteri, esoterismo e occultismo, non potevo non sentirmi coinvolta da una trama nella quale reperti antichi risalenti agli anni in cui questa regione era occupata dagli Umbri rappresentano elementi chiave e dove tradizioni esoteriche legate ad antichissimi riti sono fondamentali.
Infine, mi sono lasciata ammaliare sia dalle tradizioni culinarie che dalla meraviglia dei paesaggi umbri, una regione che mi ha sempre affascinato e che ho iniziato un po' ad esplorare da quando mi sono trasferita a Roma. I luoghi da visitare sono ancora tanti, ma Bevagna sarà sicuramente la tappa della mia prossima trasferta.

Lo stile di Patrich Antegiovanni è scorrevole, ma anche elaborato al punto giusto, a tratti ironico e soprattutto incalzante nelle scene di maggiore azione e tensione.
L'autore è riuscito a costruire un romanzo di alto spessore, le cui componenti tematiche sono ben equilibrate.
Mistero e magia, tensione e suspense sono i cardini di questo avvincente thriller, e anche se non siete appassionati di questo genere, leggendolo compirete comunque un viaggio magico e affascinante nella terra umbra, la regione che può essere considerata il cuore della nostra Penisola, e nelle sue antiche tradizioni.

Per chi volesse approfondire, vi lascio il link del sito Streetlib (cliccate qui), dove l'autore spiega la genesi e anche il titolo del suo libro, che si basa, come leggerete, su elementi realmente esistenti:

"L’Altare dell’Abisso è nato da tale studio del territorio, della sua natura, delle eccellenze eno-gastronomiche e delle sue particolarità intrinseche. La curiosità mi ha portato a indagare e a scoprire che alcune di queste erano uniche, infatti molto di ciò che ho scritto è reale, romanzato come ovvio, ma ad esempio coperto dalle acque dell’Aisillo Fanelli c’è veramente un complesso sacro romano e forse Umbro, così come le leggende intorno al Lago Aiso hanno fondamenti storici. Proprio lui, l’Aiso, minaccioso per gli abitanti del posto al punto da venir rispettato come fosse una fiera dormiente, è citato nella cartografia antica a volte con il toponimo Aso proveniente dall’Umbro e sta per ara, altare, ma tuttora i bevanati lo chiamano con un altro toponimo antico, Abisso, per la credenza che di questo ne fosse la porta dato che pensavano non avesse fondo. Per il titolo del romanzo ho preso spunto proprio dal gioco dei due toponimi." (Un piccolo estratto).


Patrich Antegiovanni: naturalista, consulente ambientale, ricercatore in ambito scientifico per privati ed enti pubblici, inoltre collabora nella gestione di uno studio bibliografico. Nato a Rho, Milano, dopo aver vissuto in varie zone dell'Umbria da qualche anno risiede nella campagna di Foligno.

21 commenti:

  1. Ecco un'altra bellissima recensione! E' un piacere leggere i tuoi post, sicuramente i tuoi consigli sono determinanti per ogni acquisto!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, posso dire lo stesso per i tuoi consigli ^_^

      Elimina
  2. Wooow!!! È il genere che piace a me! Anche io sono appassionata di storia soprattutto dell'antica roma❤ E quella medievale. Bella recensione complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere conoscere qualcun altro con le mie stesse passioni *_*

      Elimina
  3. Wooow!!! È il genere che piace a me! Anche io sono appassionata di storia soprattutto dell'antica roma❤ E quella medievale. Bella recensione complimenti

    RispondiElimina
  4. Anche a me è piaciuto davvero un sacco! Nonostante non prediliga questa tipologia di romanzi 😊😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, dalla tua bellissima recensione si capiva tutto il tuo entusiasmo per questo libro *_*

      Elimina
  5. Grazie Mariateresa per l'interessante recensione. Felice che sei entrata nel mondo di Fedro apprezzando il romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Patrich di avermi dato la possibilità di leggere la tua splendida storia :)

      Elimina
  6. Ciao Maria! Il titolo di questo romanzo mi incuriosiva molto e a quanto pare ti è davvero piaciuto. Mi fa piacere che lo stile dell'autore sia stato all'altezza e anche la storia, leggendo le tue parole, mi sembra essere condita di mistero e di magia al punto giusto.
    Comprendo sempre di più che abbiamo gusti molto simili e che siamo colpite dagli stessi elementi quando leggiamo una storia.
    Ecco perchè, pur non leggendo il romanzo, riesco comunque a capire se mi potrebbe piacere o meno, attraverso le tue parole.
    Un abbraccio forte <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta <3 Grazie, per me vale la stessa csa nei tuoi confronti, siamo proprio in sintonia. Ed è bello avere punti di riferimento per i consigli librosi, per andare sempre sul sicuro <3
      Un bacione grande :-**

      Elimina
  7. Ciao👋 molto bella questa recensione, mi piacciono i thriller storici!😊 Buon inizio di settimana!😘

    RispondiElimina
  8. Ciao Maria, bellissima la tua laurea!
    Il libro sembra davvero molto interessante, a maggior ragione se si tratta di un self. Purtroppo nel mondo del selfpublishing si trova un sacco di spazzatura e bisogna rimestare un bel po' per trovare le perle (e ce ne sono, eccome!). Recensione davvero molto bella, complimenti:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia! Hai ragione e oltretutto il mondo del selfpublishing è sempre più vasto, quindi è molto difficile trovare libri validi.
      Grazie per le tue parole :-****

      Elimina
  9. Ciao! Ma che bello che sembra questo libro, non lo conoscevo proprio ma mi incuriosisce parecchio! :)
    Bellissima recensione, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille :-* Si, è davvero un libro interessante e vale la pena leggerlo!

      Elimina
  10. ciaooo :)
    scusa il ritardo.... ma che bello il tuo blog! E' ricco di libri interessantissimi.... mi hai davvero incuriosito. A me piace tantissimo leggere, solo che con il lavoro che ho diciamo che posso leggere tranquillamente solo durante le ferie. Mi sono aggiunta più che volentieri ai lettori fissi :)

    https://lamiavitadapiccolatester.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, grazie mille di essere passata, mi ha fatto molto piacere :-****

      Elimina
  11. fa piacere quando un thriller (oltretutto prima opera) funziona così bene. Me lo segno subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' raro trovare tra gli autori emergenti libri interessanti e ben scritti. Ti piacerà, vedrai!

      Elimina