mercoledì 8 febbraio 2017

Segnalazione: Il brigante dell'Etna di Giovanni Sciàra

Buon pomeriggio!
Oggi sono lieta di segnalarvi un libro dai contenuti davvero interessanti, un romanzo storico ambientato in Sicilia ai tempi della seconda guerra mondiale intitolato Il brigante dell'Etna dello scrittore Giovanni Sciàra.
Come si intuisce dal titolo, la storia è incentrata sulla vita di un brigante, una figura molto diffusa dal periodo post unitario in Italia meridionale e in particolar modo proprio in Sicilia.
Le cause principali del brigantaggio furono le pessime condizioni di vita delle classi sociali più povere. La grande miseria portò infatti molti uomini a compiere rapine ed estorsioni, ma in altri casi questo fenomeno ebbe come conseguenza insurrezioni a sfondo politico e sociale.
Questa storia, dunque, offre uno spaccato di storia della terra siciliana e si intreccia anche alle vicende politica e mafiose locali.
Un libro da non perdere, sicuramente degno di nota e che ha ottenuto numerosi e importanti riconoscimenti, come potrete leggere nelle informazioni che vi lascio di seguito, insieme a una breve biografia dell'autore.
Vi invito anche a dare un'occhiata al sito della casa editrice Aedobooks, una piccola realtà in continua crescita che pubblica libri di grande spessore.



EDITORE: Aedobooks Edizioni
DATA DI PUBBLICAZIONE: 25 dicembre 2016
PREZZO DI COPERTINA: 11,50€
PREZZO EBOOK: 6,69€
PAGINE: 200

SINOSSI: “Il brigante dell'Etna” è un romanzo storico ambientato a cavallo della seconda guerra mondiale. I fatti si svolgono in Sicilia ,in una terra tormentata dalla fame,ed è per tale motivo che Egidio,il protagonista principale,si dà al contrabbando di frumento,sia per sfamare la sua famiglia che per ricavarci un po’ di soldi. In seguito a varie vicende viene arrestato,evade poi dal carcere e si dà alla macchia;diventa così un brigante, rapinando la gente per le strade di campagna e soprattutto i carrettieri.Cerca di unirsi a qualche banda, ma non ci riesce, in quanto ammalato di tubercolosi e per questo viene rifiutato. Cerca anche di unirsi,tramite l’onorevole Attilio Castrogiovanni, suo paesano di Lingualossa,all’EVIS (l’esercito volontario indipendentista siciliano), a cui in un primo tempo si accoda anche la mafia sicula-americana, la quale si occupa anche dello sbarco in Sicilia tramite Lucki Luciano, spedito dagli americani per organizzare il tutto con i massimi capi mafia siciliani; non a caso i sindaci messi in ogni paese dall’AMGOT sono quasi tutti mafiosi di un certo rango, e non a caso tanti soldati americani erano parenti di siciliani. Alla fine il brigante di Pietramarina muore ammazzato, così come tutti i briganti.

Com’è evidente il romanzo, per il suo contenuto, si presta ad essere pubblicato negli Stati Uniti D’America,in quanto parla dello sbarco degli Alleati in Sicilia, dello slang siculo americano, degli stretti rapporti che fino ad oggi ci sono,degli aiuti che ci hanno dato nel tempo, e si presta pure per una produzione cinematografica, data l’importanza degli argomenti trattati e del periodo bellico. S’intreccia anche, la storia, con la vicenda del bandito Salvatore Giuliano, che entra a pieno titolo col separatismo di Finocchiaro Aprile, di Attilio Castrogiovanni, con l’onorevole Scelba e dei segreti di quel tempo, rimasti ancora tali. Non ultimo, Il brigante di Pietramarina, per la sua importanza storico letteraria, è stato vincitore del Premio Internazionale”Il Convivio”2011, Premio Speciale della Giuria, nonché del Premio Letterario Nazionale Angelo Musco 2013, giuria formata dalla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania (Prof.Tropea, Professoressa Sarah Zappulla Muscarà ecc.)
Altri riconoscimenti:
Premio Internazionale Il CONVIVIO  2012 per il romanzo “La grotta del fico nero”della Maremmi Editori
Premio Nazionale di Letteratura “Angelo Musco”-finalista-solo due finalisti-2015

Giovanni Sciàra: è nato a Linguaglossa, un paesino alle falde dell'Etna,che diede i natali allo scultore Francesco Messina.Finiti gli studi primari e secondari si trasferisce a Catania dove consegue la laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in Odontostomatologia e Protesi Dentaria.
Ad un certo punto della sua vita sente la necessità di raccontare della sua gente,difatti le sue opere sono ambientate nel suo paese,oltre che nei paesi viciniori-Castiglione di Sicilia,Savoca ,Forza d'Agrò ecc.
La sua scrittura viene classificata nella corrente letteraria del realismo magico-Marquez-Kafka-Fellini-Camilleri ecc., e in particolare del realismo magico siciliano.
Ha ottenuto notevoli riconoscimenti letterari,in particolare con giurie universitarie(Università di Catania):
Premio Internazionale "Il Convivio"-Premio Speciale della Giuria-sono state
premiate due opere;
Premio Nazionale "Angelo Musco"(Università  di Catania-primo premio
assoluto) sono state premiate due opere;
Premio Michelangelo Buonarroti per la narrativa(Seravezza-Lu-Versilia)-dicembre 2016
Rappresentante per il Ragabo dell'Associazione "I sicialini nel mondo"
Premio Proserpina;
Socio onorario Associazione Cantastorie per il riconoscimento Unesco



12 commenti:

  1. Ciao Maria! Anche io ho avuto modo di leggere notizie su questo libro che sembra molto interessante ma purtroppo leggerlo in questo momento mi risulterebbe arduo e difficile considerati i temi affrontati.
    Mi fa piacere che tu lo abbia segnalato perchè l'argomento è di sicuro valore ed interesse.
    Un abbraccio forte! <3 :****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta! Io sono rimasta affascinata dal tema di questo libro. Inoltre, adoro i romanzi storici e la Sicilia, quindi non potevo non sottoporlo all'attenzione di chi mi segue, sperando di aver suscitato curiosità ^_^
      Un abbraccio grande :-**

      Elimina
  2. Complimenti, altra bellissima segnalazione e per di più su un tema piuttosto delicato ... ho una pila di libri da finire ... (ultimamente vado a rilento) ma ho appuntato in agenda questo qui, grazie e buona serata! ^__^

    RispondiElimina
  3. Ciao Maria:)
    purtroppo per questo libro passo. Non sono psicologicamente pronta per affrontare letture di questa portata ( e non credo lo sarò mai ahah)

    RispondiElimina
  4. Ciao Maria, sembra un titolo davvero interessantissimo! Qualche volta mi mancano titoli italiani, ambientati in Italia. Nulla da criticare a chi sceglie diversamente, però ultimamente sembra che in pochissimi vogliano farloxD Il periodo storico, poi, è davvero intrigante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia, hai ragione, anche io raramente trovo libri italiani ambientati in Italia. Anzi, è più frequente nei libri di autori stranieri di aver letto riferimenti al nostro Paese.
      Anche a me intriga molto il periodo storico *_*

      Elimina
  5. Un romanzo veramente interessante che fa luce su fatti e avvenimenti che ancora oggi sono top-secret ,chissà perché.Rimangono molti punti oscuri sullo sbarco degli Alleati in Sicilia che necessitano di essere chiariti.Ma la bellezza del libro è che è un romanzo storico,ma pur sempre un romanzo,anche se i dati storici sono precisi.Percorre il filone naturale dello scrittore Giovanni Sciara,che è quello del realismo magico e più esattamente del realismo magico siciliano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della sua testimonianza, le sue parole mi hanno incuriosito ancora di più nei confronti di questo libro dai contenuti davvero interessanti.

      Elimina
  6. Ciao Maria :-) Sembra essere davvero una bella lettura e poi...Vivo anche io in terra di Briganti e la loro storia viene sempre poco raccontata anche se è davvero affascinante.. Titolo da segnare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mikla! Anche a me affascina molto la figura del brigante, quindi credo anche io che si tratti di una bella lettura :)

      Elimina