giovedì 2 marzo 2017

Recensione: La notte che ho dipinto il cielo di Estelle Laure

Buon pomeriggio!
La recensione di oggi riguarda un libro che mi ha trasmesso tanta dolcezza e che si è rivelato una piacevole sorpresa. La notte che ho dipinto il cielo, scritto da Estelle Laure, è stata una lettura fatta un po' per caso, solo per iniziare a smaltire un po' di libri. Inoltre, l'unica recensione che mi è capitata sotto gli occhi qualche tempo fa era anche negativa.
Partivo, quindi, non solo con basse aspettative, ma anche un po' svogliata e convinta di trovarmi davanti a una storia banale.
Che felicità constatare di essermi sbagliata!
Ecco la mia recensione:



EDITORE: De Agostini
DATA DI PUBBLICAZIONE: 16 febbraio 2016
PREZZO DI COPERTINA: 14,90€
PREZZO EBOOK: 6,99€
PAGINE: 278

SINOSSI: Per Lucille, diciassette anni e una passione per l'arte, l'amore ha il volto della sorellina Wrenny. Wrenny che non si lamenta mai di niente, Wrenny che sogna un soffitto del colore del cielo. E poi ha il volto di Eden. Eden che è la migliore amica del mondo. Eden che sa la verità. Quella verità che Lucille non vuole confessare nemmeno a se stessa: sua madre se n'è andata di casa e non tornerà. Ora lei e Wrenny sono sole, sole con una montagna di bollette da pagare e una fila di impiccioni da tenere alla larga. Prima che qualcuno chiami i servizi sociali e le allontani l'una dall'altra. Ma è proprio quando la vita di Lucille sta cadendo in pezzi che l'amore assume un nuovo volto: quello di Digby. Digby che è il fratello di Eden, Digby che è fidanzato con un'altra e non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti. O forse sì? L'unica cosa di cui Lucille è sicura è che non potrebbe esserci un momento peggiore per innamorarsi...

LA MIA OPINIONE

Emozione e tenerezza sono i sentimenti che mi ha suscitato la lettura di questo young adult dalla trama molto particolare, sia per quanto riguarda il tipo di storia narrato e sia per il finale che lascia con tanti punti interrogativi, non solo per il lettore, ma anche per i suoi protagonisti.

La vita non è stata generosa per Lucille, diciassette anni, e Wrenny, nove anni, due sorelle come tante, molto legate, la prima con una passione per l'arte e la pittura, la seconda per la cucina. Dovrebbero sprizzare felicità e voglia di vivere tipici della loro età, condividere esperienze, ma si trovano invece a dover affrontare una situazione al limite del drammatico. La madre, forse per la troppa sofferenza provocata dalla separazione dal loro padre, ricoverato in una clinica psichiatrica, un giorno le abbandona, lasciandole completamente sole.
Inizialmente le nostre due protagoniste sono molto disorientate, devono badare a loro stesse per la prima volta e non solo in termini affettivi, ma anche economici. Infatti devono provvedere a fare la spesa, a pagare le bollette, senza contare tutte le difficoltà da affrontare e le bugie da dover dire per tenere il più a lungo possibile nascosta la loro situazione, onde evitare il rischio che i servizi sociali le dividano perché ancora minorenni.
Lucille, però, non si perde d'animo, si rimbocca subito le maniche trovando lavoro e per fortuna ad aiutarla nelle incombenze quotidiane ci sono Eden, la sua migliore amica, suo fratello Digby, e due angeli custodi misteriosi che agiscono nell'ombra..

"La maggior parte delle persone passa la vita a vacillare. Non si concedono mai di cadere, neanche di provarci. Vanno avanti a fare quello che pensano di dover fare. Non cercano mai di scoprire qual è la loro vera natura, perché significherebbe tirar fuori un coraggio che molti non hanno."

Lucille quindi imparerà a crescere in fretta, ma il suo cuore di ragazzina inizierà a pulsare d'amore puro, il primo amore, nei confronti di Digby, un ragazzo straordinario e generoso che si farà in quattro per lei e Wrenny, ma che è anche fidanzatissimo e fedele. La continua vicinanza, però, farà scattare qualcosa fra i due..
Il finale è un po' spiazzante perché si potrebbe considerare aperto e conclude la storia in un momento cruciale, lasciando molte vicende in sospeso, ma è anche carico di speranza.
Direi che l'autrice lascia a noi e alla nostra immaginazione il compito di immaginare il futuro di Lucille e Wrenny, nell'ultima pagina ancora molto incerto..

La notte che ho dipinto il cielo mi ha tenuto compagnia in queste sere prima di andare a letto, cullandomi con dolcezza e tante emozioni. Infatti, nonostante tutto non è assolutamente una storia triste, ma neanche il classico romance con l'adolescente che si innamora del bel ragazzo, anzi,  in questo caso, i contorni sono molto più sfumati e profondi.
Abbandono, amore filiale, amicizia e amore sono i temi affrontati da Estelle Laure, con uno stile molto scorrevole e appropriato per un pubblico di adolescenti. Ma è assolutamente un bel libro adatto anche a noi un po' più adulti, certo non eccezionale, ma che sicuramente ti permette di trascorrere ore piacevoli in compagnia dei suoi protagonisti.



Estelle Laure: è autrice di romanzi young adult e vive in Messico con la sua famiglia

32 commenti:

  1. Ciao Maria:) Non sembra il tuo solito genere ma vedo che è riuscito comunque a darti tanto. Io non l'ho mai letto però me lo ricordo, lo vidi un po' girare quando uscì ma non credo si sia mai realmente imposto, se capisci cosa intendo.
    La storia sembra molto dolce e l'argomento, anche se sicuramente trattato in riferimento al target del romanzo, molto attuale e amaro. Sembra molto interessante, grazie per la recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia! Hai ragione, non è il mio genere e infatti non ero partita con chissà quali aspettative. Però mi sono ricreduta, è una storia dolce che merita. Ovviamente niente di eccezionale, solo una bella lettura che mi ha fatto trascorrere ore piacevoli :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Si, è una lettura molto dolce e piacevole! :)

      Elimina
  3. Devo recuperare questo romanzo. L'ho acquistato ed è rimasto nel kindle >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo, mi ha fatto trascorrere incredibilmente, perché non me l'aspettavo proprio, ore molto piacevoli!

      Elimina
  4. Fino ad un po' di anni fa divoravo libri su libri e in effetti dovrei ritornare a quella sana abitudine!
    Intanto mi aggiungo ai tuoi lettori fissi..chissà magari un giorno mi tornerà la voglia di leggere ;)

    RispondiElimina
  5. ho un bel ricordo di questo e con la tua recensione Maria me l'hai fatto ricordare, anche a me è piaciuto molto e mi fa molto piacere che su di te abbia avuto un riscontro positivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che sia piaciuto anche a te! Io ho letto solo una recensione di questo libro ed era molto negativa, ma ora ho notato che invece è piaciuto a molti!

      Elimina
  6. A me non mancava la voglia....Mi manca il tempo x leggere :( x me la lettura è evasione dalla realtà. Vorrei vivere in una biblioteca! Cmq Maria il libro sembra coinvolgente...😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ti capisco. Anche io ho poco tempo per leggere e a volte è una grande tortura.
      Comunque si, il libro è molto bello ^_^

      Elimina
  7. Ciao Maria^^
    la trama è davvero carina e intrigante. Non conoscevo questo libro e sono contenta di essere passata da te in modo che possa appuntarmelo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky! Leggilo, ti piacerà sicuramente ^_^

      Elimina
  8. Molto molto bello :) complimenti:) vorrei leggerlo
    Ti seguo e mi farebbe piacere se anche tu lo facessi :)

    http://lucia2506.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Ciao Maria! Questo romanzo è stato accolto molto bene per quanto riguarda le recensioni e ricordo che volevo leggerlo anche io. Le tue parole confermano le mie impressioni iniziali, ossia che fosse una storia delicata, dolce, a tratti struggente e non per forza triste.
    Vedo che ci sono molti temi affrontati come l'abbandono, i legami familiari, il primo amore e mi pare che siano tutti esposti nel modo migliore.
    Inoltre non mi sembra essere una lettura banale o noiosa da come l'hai descritta.

    Grazie per aver condiviso le tue impressioni! Un abbraccio forte! :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta! No, non è assolutamente una storia triste , ma di rinascita, di forza e coraggio. E non è stata neanche una lettura noiosa perché la sera non vedevo l'ora di riprendere in mano il libro, mi rilassava molto :)
      Un abbraccio forte anche a te :-****

      Elimina
  10. grazie per i consigli!
    ...e complimenti per il blog, mi sono appena unita i tuoi lettori, se ti va ricambia! http://recensionismart.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. L'ho inserito in wishlist! Mi hai incuriosita davvero molto! 😉😊

    RispondiElimina
  12. Hai fatto bene Maria a dare un'opportunità a questo libro nonostante una recensione negativa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, è stata un'ottima scelta, sono contenta di non essermi lasciata influenzare da un parere negativo :)

      Elimina
  13. Libro che ho inserito subito nella mia lista, la trama mi ha colpita subito e la tua opinione mi ha dato conferma che è un libro che mi può piacere:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tanto che lo leggerai, sono sicura che ti piacerà :)

      Elimina
  14. Ciao, ti ho aggiunta al mio elenco di blog che seguo perché sono una divoratrice di libri!!!!
    Barbara

    RispondiElimina
  15. Ciao Maria!
    L'altro giorno stavo per prenderlo in biblioteca ma poi ho cambiato idea.
    Mi sa che ho fatto male!
    La prossima volta sarà mio!! :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, si, secondo me potrebbe piacerti :) La prossima volta prendilo ^_^

      Elimina