sabato 22 aprile 2017

Premio Strega 2017. I 12 semifinalisti

Buon pomeriggio!
Torno a parlarvi della settantunesima edizione del Premio Strega. Dopo aver elencato i 27 candidati in gara nel mio post precedente, oggi vi porto a conoscenza dei 12 finalisti, annunciati il 20 aprile, che verranno sottoposti a un'ulteriore scrematura il 14 giugno, quando in finale ci saranno solo 5 libri.
Il 6 luglio verrà annunciato il vincitore, al Ninfeo di Villa Giulia, a Roma.
Vi lascio alle informazioni più dettagliate:






Cos'è il Premio Strega

E' un ambito e prestigioso premio letterario organizzato dalla Fondazione Bellonci.
Il libro vincitore è scelto tra tutti quelli partecipanti pubblicati tra il 1 aprile dell'anno precedente e il 31 marzo dell'anno in corso.

I 12 finalisti


1) La più amata, di Teresa Ciabatti, edito da Mondadori
2) Le otto montagne, di Paolo Cognetti, edito da Einaudi
3) È giusto obbedire alla notte, di Matteo Nucci, edito da Ponte alle Grazie
4) Gin tonic a occhi chiusi, di Marco Ferrante, edito da Giunti
5) Amici per paura, di Ferruccio Parazzoli, edito da SEM
6) La stanza profonda, di Vanni Santoni, edito da Laterza
7) Le cento vite di Nemesio, di Marco Rossari, edito da e/o
8) La compagnia delle anime finte, di Wanda Marasco, edito da Neri Pozza
9) Un’educazione milanese, di Alberto Rollo, edito da Manni
10) Malaparte. Morte come me, di Monaldi&Sorti, edito da Baldini&Castoldi
11) Le notti blu, di Chiara Marchelli, edito da Perrone
12) Il senso della lotta, di Nicola Ravera Rafaele, edito da Fandango Libri

Coloro che sceglieranno non solo la cinquina finalista, ma anche il vincitore, ovvero gli “Amici della domenica”, sono 400, a cui si aggiungono 20 voti collettivi espressi da scuole, università e 15 circoli di lettura presso le Biblioteche di Roma, e 200 voti espressi da studiosi, traduttori e intellettuali italiani e stranieri selezionati da 20 Istituti italiani di cultura all’estero.

I due libri che hanno suscitato fin da subito la mia curiosità, La più amata e Le notti blu, sono in semifinale e il primo, insieme a Le otto montagne, che ho già letto, sono i favoriti per la vittoria.
Esclusi, invece, con mio grande dispiacere, La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato, un libro che mi ha lasciato un turbine di emozioni dentro, e Pastor che a notte ombrosa nel bosco si perdé…, di Ludovica San Guedoro, che sto leggendo grazie a un omaggio  della casa editrice Felix Krull e che ritengo una lettura molto valida e affascinante.

A tal proposito, la Felix Krull Editore mi ha chiesto di pubblicare una lettera aperta al Premio Strega, in particolare al Dott. Petrocchi, in merito all'inattesa esclusione del libro di Ludovica San Guedoro dalla lista dei 12 semifinalisti.
Preciso che ho solo acconsentito alla pubblicazione di questa lettera e non partecipo o condivido il suo contenuto, anche perché non faccio parte della giuria, non ho letto gli altri libri e quindi non posso giudicare alcunché.



Lettera aperta al Premio Strega


Gentile Dott. Petrocchi,

ci rivolgiamo a Lei giacché all’interno della Fondazione Bellonci (con tutti i suoi misteri) è stato evidentemente assegnato alla Sua persona il compito di comunicare con il pubblico.
Nel 2015, quando La contattammo per la prima volta proponendoLe la partecipazione allo Strega del racconto lungo “Fiorelluccia-Una fiaba siciliana”, di Lodovica San Guedoro, Lei reagì con una disponibilità che ci sorprese. Non se ne fece nulla, quella forma letteraria non era prevista. E forse la Sua disponibilità non era altro che diplomazia, dato che avevate appena annunciato ufficialmente l’apertura alle piccole-medie case editrici. Ma a noi diede la forza e il coraggio di ritentare l’anno successivo con un romanzo della stessa autrice, “L’allegro manicomio”.
Anche in quell’occasione Lei si mostrò premuroso, ci fece avere i recapiti elettronici di alcuni Amici della domenica e, quando riuscimmo a far candidare il libro, si congratulò con noi. Allorché, però, in seguito all’esclusione dalla dodicina, Le scrivemmo che l’ammissione di case editrici come la nostra si era rivelata la solita foglia di fico per coprire giochi già fatti, non si disse d’accordo, ma ci ringraziò ugualmente per aver partecipato.
Nel 2017 la ricerca dei due giurati si è rivelata impresa più ardua e spinosa, ma infine la nostra fatica è stata coronata da due candidature “forti”: Dacia Maraini e Maria Rosa Cutrufelli. Capirà quindi che la nuova esclusione dalla dodicina abbia avuto per noi un sapore ancora più amaro.
Nelle ultime settimane abbiamo valutato con attenzione gli altri 26 libri presentati e non crediamo che, contemplando il solo valore letterario, il romanzo della San Guedoro non potesse tranquillamente competere con ognuno dei 12 titoli da Voi scelti. Come spiegare quindi quest’esclusione eclatante, tanto più se si considera l’autorevolezza delle candidatrici?
C’è chi ci ha suggerito di non prendere troppo sul serio lo Strega. Ma non sarebbe, anche ai giorni nostri, un dovere morale, offrire attraverso il più prestigioso premio letterario italiano un’occasione adeguata di spiccare a una scrittrice la cui rara maestria nel bell’idioma torna a onore della Vostra nazione?

Perdoni la franchezza,
con immutata cordialità,

Johannes Hoericht
L’EDITORE


Prossimo aggiornamento il 14 giugno per scoprire insieme la cinquina finalista.
Buon fine settimana!

10 commenti:

  1. Ciao Maria, non ho letto i romanzi di questi autori, aspetto di conoscere il vincitore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel, anche io non vedo l'ora di conoscerlo!

      Elimina
  2. Ciao Maria:)
    Non credevo che venisse eliminata La figlia femmina. Mi incuriosiva e mi dispiace anche perché ricordo che ti era piaciuto molto. Aspettiamo di scoprire chi sarà il vincitore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky :) Si, mi è piaciuto molto e mi ha lasciato tante sensazioni, belle e brutte! Peccato non sia rientrato tra i finalisti!

      Elimina
  3. Credo che "La più amata" meriti davvero questo premio!
    Non ho letto "La figlia femmina" perché al momento ho bisogno di libri un po' più "leggeri"... ma prima o poi lo leggerò sicuramente!
    Un bacio

    Nuovo post sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che vincerà La più amata!
      Passo subito da te ^_^

      Elimina
  4. Ciao Maria:)
    La più amata noto con piacere che rimane in lizza. Non l'ho letto però mi intriga, aspetto di vedere se rimarrà anche all'ultima scrematura per decidere se leggerlo o meno (in poche parole, attendo fiduciosa una bibliotecaxD).
    Sono piuttosto perplessa per la lettera. Il libro mi incuriosisce e sono davvero in fermento per la tua recensione. In generale di chiacchiere sui premi ce n'è sempre. Non me la sento di accusare o difendere nessuno, non ho le prove di nulla. Non so se la CE è stata molto corretta a chiederti di pubblicare questa lettera. In ogni caso tu sei stata - giustamente - molto diplomatica:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia :) Proprio in questi ultimi due giorni ho sentito parlare delle polemiche intorno allo Strega su Striscia la Notizia, ma non condivido la piccola battaglia che sta portando avanti la casa editrice e l'ho sottolineato. Però mi dispiace molto che il loro libro non sia rientrato tra i semifinalisti, è davvero intrigante e affascinante!

      Elimina
  5. Voglio assolutamente recuperare La più amata della Ciabatti e la stanza profonda di Vanni Santoni. Anche se così a naso secondo me se la giocano la Ciabatti e Cognetti. Vedremo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te e credo vincerà la Chiabatti. Però vedremo, magari ci saranno delle sorprese xD

      Elimina