mercoledì 26 aprile 2017

Recensione: Riflessi in volo sul mare di Elisa Tardivo

Buon pomeriggio!
Per la prima volta sul mio blog pubblico la recensione di una raccolta di poesie, intitolata Riflessi in volo sul mare della bravissima Elisa Tardivo, che ringrazio per avermi permesso di leggere il suo lavoro.
I suoi versi, che hanno toccato con delicatezza la mia anima, abbracciano molteplici argomenti e si esprimono attraverso la metafora del mare, tumultuoso o calmo come le vicende della vita e le nostre riflessioni.
Ecco la mia recensione:



EDITORE: Linee Infinite Edizioni
DATA DI PUBBLICAZIONE: 2016
PREZZO DI COPERTINA: 13€
PAGINE: 348

SINOSSI: Riflessi in volo sul mare è una raccolta di poesie che “rigenera” gli ani­mi. Elisa Tardivo scrive di sé e della vita attraverso il suo compagno migliore: il mare. Versi ricchi di introspezione, consapevolezze, ri­flessioni, tra passato e presente, in cui l’anima della scrittrice acca­rezza quella del lettore tramite la Poesia. Possiamo specchiarci sui riflessi del sole durante un tramonto, o alla nascita di un nuovo giorno, proprio attraverso lui: il mare, in tutte le sue forme, nella sua bellezza e nel suo continuo moto, a volte calmo a volte burrascoso, come la vita e i pensieri. La differenza è che con un compagno così infinito possiamo andare “oltre”, possiamo volare in un viaggio dentro noi stessi e chissà, magari ritrovarci in nuove prospettive.

LA MIA OPINIONE

Con Riflessi in volo sul mare voglio inaugurare una serie di post dedicati alle raccolte di poesie, un genere che fino a qualche anno fa leggevo con molto piacere, ma che poi ho pian piano abbandonato.
Ma ora ricomincio in grande stile con i versi suggestivi di Elisa Tardivo, un'autrice dalle mille sfaccettature, che ha riversato nelle sue parole tutta se stessa.

Le sue poesie sono inni alla vita e al coraggio: di essere liberi, di amare senza nessuna costrizione o condizionamento, di vivere la vita assecondando le nostre passioni e i nostri desideri.
I suoi versi riservano tutti piccoli insegnamenti carichi di speranza:

FOLLIA
Cerca l'assoluzione
chi si sente incatenato
a una vita che non sente sua.
Incerti sguardi si posano
come timida alba 
sopra i propri passo,
mentre il cuore chiede un nuovo viaggio, 
un nuovo sentire la vita scorrergli dentro.
Siamo chiamati alla guerra contro di demoni
si celano nell'intimo silenzio.
Non servono spade,
urla di rito.
Serve un FOLLE CORAGGIO.
Per modificare questo letto di fiume esondato.
Se i piedi sentono la terra che calpestano,
le mani la scavano e le lacrime..
le lacrime ammorbidiscono la sua durezza.
Ci vuole forza per lasciar andare
ciò che ferma la fluidità dell'esistenza,
a lasciarsi attraversare senza aggrapparsi a nessuna riva.
Stringiamoci per un attimo a noi stessi,
entriamo nel cambiamento di noi
senza troppo temere di perdere qualcosa,
qualcuno.
Spezziamo le catene
questo oppio della mente,
questo stop dello spirito.
La materia deteriora, ma l'anima tramuta senza
mai toccare la fine.

L'autrice, con delicatezza, ma nello stesso tempo con solida fermezza ci racconta la vita a 360°, toccando svariati argomenti quali l'eros, l'amore, la libertà, la vita quotidiana e il sentimento più puro che ci possa essere, quello per i propri figli. La poesia che dedica a sua figlia è quella che mi ha maggiormente commossa:

ISABEL
Piccolo Grande miracolo sei
tu seme cresciuto nel ventre.
A te che volevano negare la vita
ma che nella vita hai creduto con me.
A te che sei nata sole e leone
ad occhi aperti sei giunta
fiera nello sguardo, sembravi già preannunciare il tuo essere guerriera.
A te che come il vento impetuoso
fai sentire il tuo ruggito
e la tua ilarità.
A te che sei il mio giardino..
E il mio peccato originale
Grazie di aver scelto nelle volte celesti di
camminare con me.

I versi di Riflessi in volo sul mare sono emozionanti, ti fanno vibrare il cuore. Altri, invece, sono rabbiosi e tanti molto realistici. Ma tutti hanno come denominatore comune il mare, quella distesa infinita che io amo tanto e in cui cerco spesso e trovo tanta serenità e spunti di riflessione.

Ci si rifugia nel mare quando tutto fa male
Ci si addormenta fra onde di sale
Per poter rinascere l'indomani..
Si torna in riva al mare
Ogni volta che fa male..
E ci si lascia naufragare.

E ti prometto che ogni volta che guarderai il mare
Io sarò nelle sue onde
E ti guarderò fin dentro l'anima. 

Le parole di Elisa Tardivo sono riuscite a coinvolgermi e farmi evadere dalla realtà. Il suo lavoro  si è rivelato davvero piacevole e i suoi versi hanno arricchito la mia anima con il loro stile semplice, ma profondo.
Consiglio assolutamente la lettura di Riflessi in volo sul mare, di un'autrice che ha avuto il coraggio di spogliare se stessa e mettere in luce non solo i suoi angoli luminosi, ma anche quelli più bui e nascosti. Insomma, di mettere a nudo la sua anima.

Elisa Tardivo: (1974) vive in un piccolo paese della provincia di Padova. Impiegata, Master Reiki, madre di due figlie. Scrive da sempre ma solo da qualche anno ha preso il coraggio di pubblicare i propri pensieri e le poesie. “Riflessi in volo sul mare” è la sua quarta pubblicazione.
Possiede una pagina su Facebook di oltre 15.000 fans.
Il suo pseudonimo, Ironicafollia, è ciò che più la rappresenta, e spiega la necessità dell'anima di raccontarsi e raccontare ciò che percepisce dalle emozioni che la circondano.


12 commenti:

  1. Dire semplicemente grazie per questa splendida recensione mi sembra troppo poco! Mi sono emozionata a leggerla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i bellissimi versi, sono io che devo ringraziare per aver avuto l'occasione di leggerli :)

      Elimina
  2. Ringrazio chi ha scritto questa bellissima recensione, conosco l'autrice da anni, e non posso che confermare la sua validità, ma non solo, anche ringraziare la sua grande Anima per le emozioni vere, sintesi di Vita che trasmette.
    Un testo come dico sempre, da tenere sul comodino perennemente, sfogliarlo anche a caso, e coglierne l'essenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a lei. Ho scoperto un'autrice bravissima dalle mille risorse. Rileggerò sicuramente i versi di Elisa Tardivo, sono nutrimento per l'anima!

      Elimina
  3. Non sono solita leggere raccolte di poesie ma ciò non toglie che la poesia mi affascini, motivo per cui sono davvero felice che tu abbia deciso di dedicarle degli articoli. Mi è piaciuto molto l'ultimo estratto che hai postato, in questo caso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io di solito non leggo poesie, ma quando ero ragazzina mi piacevano tanto. Neruda era il mio poeta preferito.
      La Tardivo è riuscita a farmi innamorare di nuovo di questo genere.

      Elimina
  4. Ciao Maria! <3 Sono veramente felice di scoprire che hai letto questa raccolta di poesie che a me ha colpito molto. L'ho letta sentendo ogni emozione che l'autrice è stata capace di trasmettere, vita, vita e vita oltre ogni misura attraverso la presenza costante del mare, anch'esso vitale.
    Mi ritrovo perfettamente nelle tue parole e nelle tue emozioni.
    Un abbraccio forte! :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta <3 Ricordo benissimo la tua bellissima recensione e già allora rimasi affascinata da questa autrice. Sono felice anche io di aver letto i suoi versi ^_^
      Un abbraccio forte :-**

      Elimina
  5. non sono solita leggere racolte di poesia (fatta eccezione di quelle di Neruda), ma hai fatto bene a dedicare un post a questo libro! la poesia alla figlia mi ha commossa!
    un bacio
    e se ti va passa da me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ero ragazzina Neruda era il mio poeta preferito *_*
      Passo subito da te :)

      Elimina
  6. Che bella idea parlare di poesia! Mi piace molto leggere raccolte di poesie, quando ero più piccina, negli anni del liceo, ne scrivevo molte (ho anche vinto diversi premi, a ripensarci mi imbarazzo!). Mi fa piacere se ne parli più spesso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io negli anni del liceo mi dedicavo molto alla lettura di poesie, ma tu le scrivevi anche e hai anche vinto dei premi, brava ^_^ Hai mai pensato di proporle sul tuo blog?

      Elimina