lunedì 26 giugno 2017

Recensione: Le magiche avventure di Deamira e Solidea di Martina Mazzeo

Buon pomeriggio!
Vi propongo oggi la recensione di quella che sembra una fiaba per bambini, ma che può essere tranquillamente letta e apprezzata anche da noi più grandi, grazie allo stile semplice, ma maturo, dell'autrice Martina Mazzeo, che ringrazio per avermi permesso di leggere il suo lavoro, intitolato Le magiche avventure di Deamira e Solidea.
Ecco la mia opinione e tutti i dati del libro:



EDITORE: Caosfera
DATA DI PUBBLICAZIONE: 1 gennaio 2016
PREZZO DI COPERTINA: 12€
PAGINE: 130

SINOSSI: Deamira e Solidea sono due bambine molto speciali. Ed è per questo che Cugnet e Darrig, i due folletti, sono venute a trovarle...



LA MIA OPINIONE

Le magiche avventure di Deamira e Solidea è una bellissima fiaba che i bambini adorerebbero, una storia che io stessa racconterei ai miei figli perché ricca di elementi fantastici e giocosi che li condurrebbero in un mondo magico e fatato.
Ciò non toglie che anche io, poco più che trentenne, abbia apprezzato questo piccolo libro, che ho letto con piacere e che ho trovato gradevole, lasciandomi avvolgere dalla sua atmosfera incantata e straordinaria.

Deamira e Solidea sono due sorelle di 6 e 11 anni. Una notte irrompono nella loro cameretta due folletti: Cugnet, il folletto ispiratore dei bei sogni e Far Darrig, il folletto degli incubi. I due esseri fantastici hanno un preciso compito, ovvero condurre le due sorelline nel Bosco delle Fiabe, un luogo incantato e popolato da creature magiche, come streghe, troll, folletti, fate e gnomi, ma velato da una profonda tristezza e preoccupazione. Il re del Bosco, infatti, è gravemente malato e l'unico rimedio che lo aiuterebbe a guarire, una pianta miracolosa, si trova in zone impervie e pericolose per i folletti. E solo Deamira e Solidea, in qualità di esseri umani, possono salvare il re.
Le avventure delle due sorelline hanno così inizio: tra creature mostruose e folletti malvagi, alberi parlanti e terre meravigliose, riusciranno a portare a termine il loro compito?

"E perché proprio noi?- chiese Solidea con curiosità.
Cugnet esitò un attimo, poi disse:
-Perché voi avete fede e un grande cuore..non sareste qui se non credeste in noi, sono rari gli umani come voi.
Si dice che gli occhi siano lo specchio dell'anima, infatti a Cugnet era bastato osservare i grandi occhioni vispi e scuri delle bambine per capire che erano dotate di un cuore grande e di un animo d'oro. Tutte le sue speranze erano riposte in Deamira e Solidea.

Come si può intuire dalla trama, la storia presenta i tipici elementi di una fiaba, come le creature magiche, la missione che devono portare a termine le protagoniste, gli ostacoli che incontreranno sul loro cammino, gli antagonisti.
Lo stile di Martina Mazzeo è semplice e scorrevole, pulito, ma così maturo che rende questa certamente una storia per bambini, ma scritta anche per adulti, che non la troverebbero affatto infantile e lontana dalle loro corde.
E' un libro che mi ha sorpreso positivamente.
Quindi, sia che voi siate mamme alla ricerca di belle storie da leggere o far leggere ai vostri cuccioli, sia che siate lettori alla ricerca di un libro che vi faccia tornare un po' bambini e che vi faccia immergere nuovamente nelle atmosfere innocenti e fantastiche della vostra infanzia, vi consiglio la lettura di questa splendida fiaba colorata e frizzante, scritta in modo eccellente dalla giovane e brava autrice Martina Mazzeo.


Martina Mazzeo: è nata nel 1995 a Milano, dove tuttora vive con i suoi genitori e sua sorella. Ha sempre avuto una grande passione per la letteratura. Dopo il diploma classico al Berchet, ora studia tedesco, russo e inglese alla facoltà di Lingue e Letterature Straniere, alla Statale di Milano.

14 commenti:

  1. Ciao Maria, sembra una bellissima favola, di quelle che fanno tornare bambini! Se fossi una mamma, credo che non me lo lascerei scappare:)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia! Anche io lo leggerei ai miei figli, se ne avessi. Lo consiglio a tutte le mamme :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Ciao Maria! Una favola è proprio quello che ci vorrebbe, qualcosa di genuino, sereno e vecchio stampo, diciamo così.
    Mi piacerebbe proprio rilassarmi con una lettura tranquilla, eppure scelgo sempre quelle tormentate! Ma come si fa?! :*
    Un abbraccio forte! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, io e te siamo uguali xD A volte mi fa bene leggere qualcosa di molto leggero, ma alle storie tormentate non saprei rinunciare :)

      Elimina
  3. Come sembra carino! Sono una grande amante delle fiabe e, da come la racconti, questa sembra proprio avere tutti gli elementi giusti al posto giusto, oltre a una trama davvero curiosa e interessante. Grazie per la segnalazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è una fiaba molto interessante, è stato piacevole leggerla :)

      Elimina
  4. Interessantissimo questo libro!quasi quasi lo prendo per me è poi quando la piccola sarà più grande lo rileggerò con lei.grazie del consiglio!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii, alla tua bambina piacerà tantissimo, vedrai ^_^

      Elimina
  5. Questo libro si prospetta molto interessante.
    Una fiaba scritta oggi ma dai sapori di quelle di una volta ... anzi di "c'era una volta".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, hai saputo sintetizzare benissimo l'essenza di questa fiaba :)

      Elimina
  6. me lo segno da leggere insieme ai mie bambini, amo queste cose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacerà sia a te che ai tuoi bambini, ne sono sicura :)

      Elimina