lunedì 19 giugno 2017

Recensione: OscuraMente di Gianluca Giusti

Buon pomeriggio!
Oggi vi propongo la recensione di un breve saggio che ha suscitato fin da subito il mio interesse, OscuraMente. E' vero che usiamo solo il 10% del nostro cervello? di Gianluca Giusti.
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare leggendo il titolo, come è successo a me, lo scopo dell'autore non è quello di appoggiare questa tesi, ma di confutarla con esempi pratici e razionali.
Ringrazio l'agenzia letteraria Saper Scrivere, con cui ho iniziato a collaborare, per avermi permesso di leggere questo lavoro.
Vi lascio tutti i dati del libro e la mia opinione:



EDITORE: Errekappa
DATA DI PUBBLICAZIONE: 1 gennaio 2013
PREZZO DI COPERTINA: 14,90€
PREZZO EBOOK: 6,99€
PAGINE: 116

SINOSSI: È vero che usiamo solo una minima parte delle nostre facoltà mentali e che è proprio la scienza a dimostrarlo? Chi sostiene di avere poteri speciali che gli permettono di piegare metalli, spostare oggetti, leggere nel futuro o nei libri senza averli letti, comunicare con l’oltretomba o telepaticamente ci riesce grazie a un uso di percentuali maggiori delle sue facoltà mentali? Oppure no? Come stanno realmente le cose e cosa dice veramente la scienza su questo affascinante argomento?
Ti aspetta un viaggio nel Mito per conoscere la verità su questa intrigante teoria ma soprattutto per scoprire allo stesso tempo molte cose su di te che forse ancora non sai.

LA MIA OPINIONE

Ho sentito parlare spesso della teoria secondo la quale noi umani utilizzeremmo solo il 10% del nostro cervello e che se fossimo in grado di sfruttare il restante 90% riusciremmo a compiere cose straordinarie.
Gianluca Giusti, in questo breve, ma intenso saggio, ci dimostra perché questa teoria, interamente inesatta, sia ugualmente fomentata da molte persone.
La tesi oggetto d'esame del libro nasce a cavallo tra il 1800 e il 1900, quando alcuni scienziati riuscirono a mappare il 10% del nostro cervello. Da qui la convinzione che la restante parte di uno degli organi vitali del nostro corpo sia ancora terreno non solo inesplorato, ma anche inutilizzato.

"E perché la natura avrebbe creato un uomo con un cervello inutilizzato al 90%?"
"La natura non spreca"

Quindi il tutto è assolutamente falso, come ci dimostra l'autore, dedicando un intero capitolo a spiegarci la composizione e il funzionamento del nostro cervello:

"Il 10% è una percentuale che non esiste, il cervello è stato mappato interamente"

Ma chi sono coloro che invece sono pienamente convinti della veridicità di questa dottrina? Quelli che l'autore definisce venditori di aria fritta, ovvero maghi, astrologi, chiaroveggenti e tutti coloro che millantano di avere poteri paranormali derivanti da facoltà mentali che tutti abbiamo, ma che non sappiamo mettere in pratica a causa del nostro encefalo inutilizzato al 90%.

"La percentuale del 10% viene usata in modo scorretto e strumentale per far credere all'esistenza di poteri paranormali."

Attraverso pratici e razionali esempi e semplici domande, l'autore ci aiuta a riconoscere, con lo scopo di restarne alla larga, coloro che tentano di incantarci o imbrogliarci con le loro assurde convinzioni, fino ad arrivare a sottolineare l'importanza della teoria del "pensiero positivo".

Ho letto OscuraMente in pochissimo tempo, non solo per la brevità di questo saggio, ma soprattutto perché ha catturato fin dalle prime pagine la mia attenzione.
Nutro un grande interesse per questo argomento e l'autore è riuscito a scalfire anche le mie convinzioni e certezze, spazzando via i miei dubbi e, alla fine della mia lettura, sono arrivata a concordare pienamente con lui.
Lo stile di Gianluca Giusti è diretto e semplice, in alcuni punto molto tecnico, ma ciò che ho apprezzato di più è la mancanza di fronzoli o altri stratagemmi per allungare il brodo. L'autore va dritto al punto e spiega al lettore le sue considerazioni con chiarezza e precisione.
Vi consiglio quindi di immergervi, come ho fatto io, in questo interessante viaggio alla scoperta del nostro cervello e della nostra mente attraverso il lavoro di qualità, preciso e approfondito, realizzato dal bravissimo Gianluca Giusti.


Gianluca Giusti: classe 1964, dopo gli studi all’Isef Gianluca Giusti entra nel settore farmaceutico deve ancora lavora in qualità di informatore scientifico, oggi nel campo dell’oncoematologia.
Nei suoi 25 anni di attività ha lavorato in varie aree specialistiche.
Ciò gli ha consentito di capire i lavori scientifici e l’importanza del metodo scientifico sperimentale, ad oggi unica arma a difesa del progresso e contro le pseudoscienze.
I colleghi ne storpiano il cognome Giusti in un simpatico e maccheronico inglese Jast, diventato poi Thejast con cui l’autore ha firmato alcuni degli aforismi del suo primo libro “OscuraMente”.
Ha letto troppo rischiando di non pubblicare mai ma, nel 2013, la svolta!
Autore flessibile e competente con anni di preparazione alle spalle, fa il suo esordio editoriale con OscuraMente pubblicato con Errekappa edizioni.
Poi l’amore per Cuba e la voglia di descrivere l’isola che gli ha portato in regalo la sua splendida moglie Julia.
Cuba istruzioni per l’uso”, edito da La caravella editrice, il suo secondo libro, è l’essenza e l’essenziale di una esperienza unica che dura e rimarrà per sempre.
Alla sua terza pubblicazione nel 2014 entra a far parte degli Autori di Edizioni C’era una volta con il suo attesissimo libro: “Qualcosa non torna“.
Gianluca, di estrazione scettico-razionale si batte a difesa della Scienza e della Ragione. (dal sito dell'autore gianlucagiusti.com)

6 commenti:

  1. Ciao! :) Non conoscevo questo libro, ma sembra davvero una letture interessante! Me la segno :)

    RispondiElimina
  2. Mi incuriosisce perchè l'avevo già sentito dire :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Maria! Devo dire che non sono una grande amante dei saggi, ma questo sembra molto interessante, anche perché mi è sempre piaciuto questo argomento. Penso proprio che ci potrei fare un pensierino :)

    RispondiElimina
  4. Ciao! Interessantissimo l'argomento, che credo intrighi molte persone. Per parte mia, davo credito a queste dicerie finchè, poco tempo fa, ho scoperto che erano false. Un po' mi è dispiaciuto, ma meglio saperlo che rimanere nell'ignoranzaxD

    RispondiElimina
  5. Buon giorno
    Ringrazio per la recensione e i commenti. Se avete dubbi o chiarimenti da chiedere contattami, vi risponderò volentieri e mi farà piacere. Potete farlo sul mio profilo fb, sulla pagina fb di OscuraMente o tramite email . Grazie!

    RispondiElimina
  6. Ciao Maria, bellissima recensione per un testo che certamente affronta un argomento molto interessante. Ho avuto modo di leggere Qualcosa non torna di Gianluca Giusti che ho apprezzato davvero molto.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina