mercoledì 25 ottobre 2017

Ras Tanura è cielo basso di Gianluigi Amore

Buon pomeriggio!
Eccoci al terzo appuntamento con La Settimana della Poesia: dal 23 al 27 agosto posterò la recensione di una raccolta di poesie di un autore emergente.
Oggi è il turno di Gianluigi Amore con il suo lavoro intitolato Ras Tanura è cielo basso.
Ecco la mia recensione e tutti i dati del libro:



EDITORE: Eretica Edizioni
DATA DI PUBBLICAZIONE: 2016
PREZZO DI COPERTINA: 13€ (in offerta a 11,90€ sul sito di Eretica)
PAGINE: 54

SINOSSI:
Da qui alla morte 
                                il nulla 
ma rapido consumarsi in lenta attesa 
di umana miseria ciò che resta 
goccia su goccia singulti di ossessione 
del tribolato fondo la visione.

Di me natura ha usato, da me stesso abusato.

RECENSIONE

Ras Tanura è cielo basso è una raccolta di componimenti che sembra seguire uno schema ben preciso, quello del ciclo vitale che va dalla nascita fino alla morte.
Il libro si suddivide in due parti intitolate "Impressioni di vita" e "Il Sogno". Nella prima trasudano maggiormente emozioni e sensazioni riguardanti la natura e il paesaggio che circonda l'autore, soprattutto durante la sua infanzia. Ma non mancano anche versi che fanno riferimento alla tecnologia, a episodi di vita quotidiana, oppure a eros e amore. Qui l'autore ha utilizzato un tono quasi sognante e trepidante, a tratti impertinente.

Laida creatura

Laida creatura vo cercando
e sozza
che possa al fin saziare la mia voglia
d'ogni bassura superar la soglia.
Nacqui già laudo, insino dalla culla
m'attizzò della fantesca il culo
per non parlar del petto e delle gambe
(lungi da me lo sminuirne alcuna).
Ombra di donna
segui ogni ombra mia
né feci cosa fuor dalla sua brama,
a quanta fama sarei giunto invero
se il desiderio fosse stato meno!
E pur nella preghiera il mio laidume
si manifesta appieno e non pentito
che l'invocar gli dei mi è cosa grata
d'aver lunga la lingua e biforcuta
al fine di leccare in un sol tocco
la potta il culo e ogn'altra cosa amica.

O donna laida...!
Il Dio che sa
ti benedica,
tu che pietosa accogli
il mio peccato,
la sola colpa mia
d'essere nato.

Di tutt'altro genere, invece, è la seconda parte dell'opera. Qui i toni sono molto cupi e virano in modo evidente verso la malinconia, la sofferenza e la tristezza. Temi protagonisti di "Il Sogno" sono la morte, il tempo che inevitabilmente scorre, la fine delle cose...

La fine

Di quell'inutile andare
eppure ne fui fiero
è tempo del perché sapere.
A un troppo aspro lasciare
senza coscienza chiudere la porta
e null'altro vedere.

Lo stile di Gianluigi Amore è molto particolare, accurato ed emozionante da un lato, crudo e descrittivo dall'altro. Egli ha alternato componimenti mediamente lunghi ad altri molto corti e ha saputo esprimere con ardore e consapevolezza tutti i sentimenti sprigionati dal suo cuore, dalla felicità alla nostalgia, alla rassegnazione.
I suoi versi sono quasi magici, incantano e tengono incollati al testo pagina dopo pagina, parola dopo parola.
Ogni autore dona una parte di sé nel proprio lavoro, soprattutto nella poesia, che in questo splendido caso, in Ras Tanura è cielo basso, vale assolutamente la pena di scoprire!

GIANLUIGI AMORE: lasciato il nativo Piemonte in giovane età, vive in terra appartata e straniera da diversi anni. Il dualismo esistenziale, vita in mare/richiamo della montagna, è stato terreno fertile per il manifestarsi della sua creatività. Le molteplici esperienze di vita non hanno intaccato i principi del nucleo culturale originario, struttura portante di numerosi componimenti in prosa e in versi. Il tempo e la morte sono i temi dominanti della sua poetica. Lo stile trova sicure radici nei classici del passato.


6 commenti:

  1. Ciao, grazie per essere passata a lasciarmi un saluto! :)
    Come avevi letto adoro leggere, quindi blog di recensioni sono sempre bene accetti *_*
    Il mio angolino è ancora neonato (l'ho aperto ieri ^_^ ) ma ti ringrazio davvero per essere passata, ti seguirò con moltissimo piacere ed interesse!!

    RispondiElimina
  2. Interessante davvero Maria. Mi piace soprattutto quando dici che ogni autore dona una parte di se quando scrive, mi trovo perfettamente daccordo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei autrice e quindi capisco che ti immedesimi benissimo in questo mio pensiero ^_^

      Elimina
  3. Sembra una lettura molto interessante! :)

    RispondiElimina