venerdì 2 febbraio 2018

Recensione: La bestia non si ferma di Piero Cancemi

Buon pomeriggio!
La recensione di oggi riguarda una lettura particolare e intensa, intitolata La bestia non si ferma di Piero Cancemi. Il libro è suddiviso in 11 racconti che ripercorrono le tappe della vita sregolata del protagonista Riccio, dall'adolescenza fino all'età adulta.
I racconti di questo romanzo seguono i racconti del primo: La bestia non corre, pubblicato con la casa editrice Vertigo nel 2013.
Ecco la mia recensione e tutti i dati del libro:



EDITORE: Eretica
DATA DI PUBBLICAZIONE: 29 febbraio 2016
PREZZO DI COPERTINA: 13€
PAGINE: 108

SINOSSI: Riccio ricorda, Riccio racconta e Riccio non si ferma anche se ha smesso di camminare. Riccio è il protagonista del libro e ancora una volta in ogni racconto ripercorre tappe della sua vita in luoghi inventati, balzando da età adolescente a età adulta e viceversa. Combinando diversi generi, il libro si propone ad un pubblico giovane con un linguaggio di base crudo mescolato ad un sapore filosofico che emerge in alcuni momenti offrendo un sicuro valore aggiunto. Riccio aveva sbagliato tutto interpretando la realtà come una cosmesi assoluta di vizi e piaceri. Riccio crescerà, ma senza correre.

RECENSIONE

La bestia non si ferma è una sorta di lunga riflessione che il protagonista Riccio fa sulla sua vita.
Una vita sregolata e dissoluta narrata in una serie racconti dove assistiamo alla crescita e all'evoluzione di questo personaggio, dall'adolescenza fino all'età adulta.
La bestia del titolo si riferisce a una malattia degenerativa che colpisce Riccio e che lo accompagnerà per tutta la sua esistenza, condizionandola non poco: la sclerosi multipla.
Se da una parte il ragazzo sembra accettare questa realtà, dall'altra egli non riesce proprio ad esimersi dal vivere una vita finalizzata solo alla ricerca del piacere fisico e dello sballo mentale anche una volta diventato adulto. Droghe leggere e pesanti, alcol e sesso occasionale saranno i suoi fedeli compagni di viaggio che puntualmente rovineranno quello che di buono ha costruito durante il suo cammino.
In alcuni momenti, complici anche i suoi amici, Riccio si fermerà a riflettere sulla sua condizione, sognando di diventare un uomo migliore e di essere finalmente felice, tentando quindi di redimersi. Come spesso accade, però, le sue dipendenze sono molto più forti della sua volontà.

"Non me ne frega più un cazzo di drogarmi. Vedi che fine abbiamo fatto? Vedi che non riusciamo più a dare una ragione neanche alle cose più semplici? Vedi che facce erano rimaste là dentro? Vedi che non ti si drizza l'uccello anche se una ragazza te lo tiene in mano. Capisci che la tua testa è completamente andata via? La droga è una bestia e quando sei amico della bestia ti diverti insieme a lei, ma quando meno te l'aspetti la bestia ti può sbranare senza rendertene conto e io non mi voglio fare sbranare".

Lo stile di Piero Cancemi si adatta al tono delle vicende narrate, quindi complesso, diretto e a volte molto crudo. La figura di Riccio è plasmata alla perfezione e anche se è raffigurato come un personaggio negativo, l'autore scrive di lui senza giudicarlo.
Ai miei occhi Riccio è sembrato un ragazzo, poi uomo, con una mente e un cuore molto maturi e molto saggi, intrappolato in un corpo assuefatto da droga, alcol e sesso, oltre che menomato dalla malattia, che gli ha sempre impedito di spiccare il volo, di diventare l'uomo che realmente vuole essere.
Altre particolarità della scrittura dell'autore sono i nomi affibbiati a tutti i personaggi del suo lavoro, non nomi comuni di persona, bensì di animali che rimandano sempre alla bestia del titolo. Oltre a Riccio, il lettore conoscerà ad esempio Cinghiale, Anaconda, Marmotta...

La bestia non si ferma è un romanzo che si legge velocemente, anche perché la narrazione ti permette di immergerti completamente nella storia, suscitando nel lettore la curiosità di sapere se il protagonista riuscirà alla fine a riscattarsi e liberarsi dai suoi demoni.
Ne consiglio la lettura perché offre moltissimi spunti di riflessione e ti catapulta in un mondo duro e controverso, in una realtà da cui è difficile venir fuori se ci sei dentro fino al collo.
Un libro ottimo e soprattutto sorprendente.

"Ama la tua vita Riccio, percepiscine i suoi profumi, ammira quello che riesci a vedere, apprezza i suoni che ti circondano, rispetta quello che sfiori, elogia le tue gambe che ti reggono in piedi e ammira la forza che ti permette di affrontare le giornate, adora tutto quello che vivi assieme alle sue sfumature gustandone tutti i sapori. Devi infatuarti della cosa più importante che hai, la Vita."


PIERO CANCEMI: nato a Mazara del vallo nel 1983 e residente a Bologna, è laureato in Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo,  sezione Cinema, conseguita all'Università di Bologna, ed è autore di diverse opere:

Dicembre 2013 – libro LA BESTIA NON CORRE pubblicato da Vertigo Edizioni.

Da Settembre 2014 – Autore presso la Community Letteraria di libera pubblicazione
on-line LOPCom su www.lopcom.it/ .

Novembre 2015 – Autore del racconto “Sotto i portici” presente nell'antologia
RACCONTI BOLOGNESI pubblicata da Historica Edizioni.

Da Gennaio 2016 – Autore del Blog https://metropolizblog.wordpress.com/ che parla di Arti, Disabilità, Dipendenze e Disagi Sociali.

Febbraio 2016 – Segnalazione di merito al Concorso Letterario LeggiadraMente, realizzato dall'Associazione Culturale Carta e Penna con il racconto “Una settimana e un sorriso” contenuto nel libro LA BESTIA NON CORRE.

Marzo 2016 – libro LA BESTIA NON SI FERMA pubblicato da Eretica Edizioni.

Giugno 2016 - Terzo posto al Concorso Letterario Premio Internazionale Salvatore Quasimodo, realizzato da Aletti Editore, con il racconto “Una settimana e un sorriso” contenuto nel libro LA BESTIA NON CORRE.

Settembre-Novembre 2016 - “Laboratorio pratico di scrittura creativa di 2°livello” organizzato dall'Associazione Culturale Canto 31, con lo scrittore Gianluca Morozzi c/o Fun Cool Oh!, via Belvedere 2/a, Bologna.

Novembre 2016 - Autore del racconto “Vent'anni” presente nell'antologia SVOLTE pubblicata da Fernandel Editore.

Dicembre 2016-Febbraio 2017 - “Laboratorio pratico di scrittura creativa di 3°livello” organizzato dall'Associazione Culturale Canto 31, con lo scrittore Gianluca Morozzi c/o Fun Cool Oh!, via Belvedere 2/a, Bologna.

4 Marzo 2017 - Secondo posto al Concorso Urbe Parthenicum, realizzato dall’Associazione Culturale Cento per l’arte e la cultura c/o Teatro Gianì di Partinico (PA), con il Racconto “Momenti” contenuto nel libro LA BESTIA NON CORRE.

27 Aprile 2017 – Attestato di merito alla 4^ Edizione Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia”  realizzato dall'Associazione culturale e teatrale “Luce dell'Arte” con i racconti: “Una settimana e un sorriso”; “Pakhet”; “Momenti”. Contenuti nei libri LA BESTIA NON CORRE e LA BESTIA NON SI FERMA.

Gennaio-Maggio 2017 – “Laboratorio di Sceneggiatura Televisiva” organizzato dall'Associazione Culturale Canto 31, con lo story editor e sceneggiatore Filippo Kalomenidis c/o Fun Cool Oh!, via Belvedere 2/a, Bologna.



14 commenti:

  1. Ciao Maria! Questa lettura di sicuro non dev'essere proprio facile...però sembra davvero interessante, e non la conoscevo! Grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, questo libro narra di un percorso di vita non proprio facile. È una lettura impegnativa, sì! :)

      Elimina
  2. Interessante questo libro, dallo stralcio che ci hai proposto capisco che l'autore scrive in maniera anche molto cruda dei fatti della vita di Ricco.
    Non mi dispiace affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il linguaggio dell'autore in molti casi è molto crudo ma adatto allo stile di vita di Riccio.

      Elimina
  3. Sembra davvero molto interessante. Lo dovrò leggere ;)

    RispondiElimina
  4. Ciao maria :) Conosco molto bene la sclerosi multipla, ce l ha mia cugina. Il romanzo dovrebbe essere bello e profondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita :) Sì, è bello e fa riflettere molto.

      Elimina
  5. Per quanto riguarda la domanda che hai lasciato sul mio blog relativamente a "la morte no ha fretta", te la lascio qui.
    Tranquilla le scene del libro non sono affatto forti, il tutto è raccontato in modo molto soft per cui puoi leggerlo senza problemi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ^_^ Nonostante la tua recensione non proprio positiva, il libro mi ha comunque incuriosita e mi piacerebbe dargli una possibilità. Adesso lo leggerò sicuramente, grazie ancora :-*

      Elimina
  6. Tematica molto forte...mi sembra un libro davvero interessante ;)

    RispondiElimina
  7. ho molto rivalutato i romanzi composti da racconti, trovo che sia un metodo, se fatto bene, molto efficacie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io li ho rivalutati perché fino a qualche anno fa praticamente evitavo le raccolte di racconti. In questo caso c'è continuità tra le varie storie perché narrano episodi di vita del protagonista e sono scritte bene.

      Elimina